rotate-mobile
Cronaca Borgo / Piazza San Pietro

Pistola e coltelli nel borsone: parroco trovato con le armi in piazza San Pietro

Il sacerdote fermato dagli agenti del commissariato Borgo aveva nel borsone un piccolo arsenale

Andava in giro con una borsa piena di armi il parroco che è stato fermato, in piazza San Pietro, dagli agenti del commissariato Borgo.

Le armi nella borsa

La scoperta del piccolo arsenale che il prelato si portava dietro, è avvenuta verso le 9 di domenica 5 maggio, grazie all’azione di pre-filtraggio che gli uomini della polizia di Stato stavano effettuando nei varchi antistanti il colonnato di piazza San Pietro. Nel controllare la borsa di un uomo, vestito in abiti talari, gli agenti hanno trovato una pistola ad aria compressa, due coltelli, un taglierino ed un cacciavite.

Il sacerdote

L’uomo, un cinquantanovenne nato e residente nella repubblica Ceca, ha dichiarato che la borsa fosse di un suo compagno di viaggio, un altro sacerdote ceco classe 1964. Entrambe erano a Roma con un gruppo di fedeli per assistere alla messa domenicale del Papa. Portati negli uffici di polizia del commissariato Borgo, è stato accertato il loro status sacerdotale.

Il parroco cinquantanovenne trovato in possesso del piccolo arsenale, ha dichiarato che quanto gli agenti hanno trovato nel borsone, fosse stato portato per ragioni di difesa personale. Il sacerdote è stato denunciato per porto abusivo di armi.

la pistola ad aria compressa del sacerdote

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pistola e coltelli nel borsone: parroco trovato con le armi in piazza San Pietro

RomaToday è in caricamento