Droga: scovati al Prenestino l'Olandese e suo fratello Boris

I due, latitanti dal 2009, sono stati arrestati nell'ambito di un'operazione della Guardia di Finanza relativa al traffico internazionale di stupefacenti

Due pericolosi latitanti, colpiti da mandato di arresto europeo dal 2009, sono stati arrestati dal Nucleo Polizia Tributaria del comando provinciale di Roma. Si tratta di Vladimir Slaets , 40 anni, noto come 'l'Olandese', con passaporto belga ma di origine croata, e di suo fratello Boris, entrambi attivi nel traffico internazionale di sostanze stupefacenti. La brillante operazione è frutto della collaborazione con il centro di coordinamento alla Lotta anti droga Mediterraneo di Tolone (Francia), nell'ambito delle iniziative assunte dalla direzione distrettuale antimafia di Roma, in stretto contatto con la direzione centrale per i Servizi Antidroga del ministero dell'Interno.

TRAFFICO INTERNAZIONALE DI DROGA - Il Gico (Gruppo Investigazione Criminalità Organizzata) del Nucleo Polizia Tributaria di Roma, partendo dall'analisi di alcune operazioni di polizia condotte in alcuni Stati dell'Unione Europea nei confronti di un'organizzazione criminale dedita all'importazione di cannabis dal Marocco in Europa, aveva appurato che Vladimir Slaets, godendo dell'appoggio di alcunicomplici dislocati nei vari paesi, era solito spostarsi in mezza Europa per poi giungere a Roma, dove soggiornava utilizzando false generalità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

LISTE VOLO PASSEGGERI - Incrociando i dati di centinaia di liste di volo dei passeggeri in arrivo agli aeroporti di Fiumicino e Ciampino, le fiamme gialle hanno individuato, nel quartiere Prenestino, un appartamento abitato da un connazionale del latitante, al cui interno è stato bloccato Slaets, tradito dall'aver istintivamente trasalito non appena i militari hanno pronunciato il suo nomignolo, Vlad. Dopo alcuni giorni, lo stesso Gico è riuscito ad arrestare Boris Slaets, anche lui ricercato, sorpreso nel carcere di Regina Coeli di Roma mentre era in visita al fratello detenuto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • Coronavirus, a Roma 342 nuovi casi. L'allarme di D'Amato: "Siamo a livello arancione". I dati Asl del 16 ottobre

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Coronavirus, a Roma 462 casi: sono 939 in totale nella regione. C'è un nuovo focolaio nel Lazio

  • A Roma la stretta anti Covid, Raggi chiede più controlli: nel week end task in campo tra movida e periferie

  • Coronavirus, a Roma 494 casi. Nel Lazio 994 nuovi contagi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento