rotate-mobile
Giovedì, 13 Giugno 2024

VIDEO | Vip e tremila bambini a Villa Pamphilj per la campagna contro i pericoli sul web

Immancabile il momento musicale con la fanfara della Polizia di Stato

Più di 3 mila bambini e ragazzi sul prato di Villa Pamphilj per l’ormai tradizionale appuntamento di fine anno scolastico con la polizia di Stato. L’evento è la tappa conclusiva di “Una vita da social”, la campagna educativa itinerante realizzata dalla polizia postale per sensibilizzare i giovani sui rischi e i pericoli della rete.

Ma non c’era solo il truck della polizia postale. Nella villa più grande della capitale erano presenti gli operatori e i mezzi di tutte le specialità della polizia di Stato, ma anche le auto storiche e Lamborghini che hanno come sempre attirato l’attenzione di tutti.  

Nella prima parte della mattinata i ragazzi si sono goduti le esibizioni dei vari reparti e, mentre erano attenti alle esercitazioni dei cinofili e degli artificieri, hanno alzato lo sguardo in sù per salutare l’elicottero della polizia di Stato che ha sorvolato per pochi istanti i cieli sovrastanti la villa. Poi dal palco è arrivato il saluto delle istituzioni, il Prefetto Renato Cortese, direttore centrale per la polizia stradale, ferroviaria e per i reparti speciali della polizia di Stato, il vicario del Questore di Roma, Francesco Greco, consigliere alla legalità del sindaco di Roma, e tutti gli altri rappresentanti delle specialità della polizia di Stato e delle altre forze dell’ordine.

Ma sul palco sono saliti anche alcuni attori che hanno voluto essere presenti all’iniziativa: Massimo Vanni, Lorenzo Flaherty, Marco Marzocca, Dino Abbrescia e i sosia della mitica coppia Ispettore Nico Giraldi e Bombolo; inoltre è intervenuta anche la campionessa delle Fiamme Oro Viviana Bottaro, medaglia di bronzo alle Olimpiadi Tokyo 2020 nella specialità Kata.

Immancabile il momento musicale, prima di chiudere l’evento e augurare ai ragazzi buone vacanze, la Fanfara della Polizia di Stato si è esibita con alcuni grandi successi dell’ultimo festival di San Remo, alternati ai classici senza tempo come Stelle e Strisce e alla popolare Roma nu fa la stupida stasera. A chiudere, accompagnato dal canto di grandi e piccini, l’Inno Nazionale.

È stato proprio grazie alla sinergia e alla collaborazione fra istituzioni che è stato possibile far arrivare i 3 mila studenti a bordo di pullman dedicati, messi a disposizione non solo dalla Polizia di Stato, ma anche dall’Esercito, Guardia di Finanza, dalla Croce Rossa, dal Cotral, dalla Polizia Locale Roma Capitale, dall’Anas e  dalla Polizia Penitenziaria.   

Si parla di

Video popolari

RomaToday è in caricamento