Cronaca Via monterone

Piazza Navona, pizzaiolo marocchino aggredito dal branco: è grave

A darne notizia è Il Tempo. E' successo in via Monterone: a mettere in fuga i 4 un'addetta alla polizia. Al giovane è stato sottratto un orologio. Ora si trova al Santo Spirito nel reparto di rianimazione

Picchiato e rapinato dal branco in pieno centro alle prime luci dell'alba. E' successo in via Monterone, nei pressi di Piazza Navona, nella notte tra martedì e mercoledì ad un pizzaiolo marocchino sposato con una donna italiana. A darne notizia è Il Tempo. L'uomo, 26 anni, si trova nel reparto di rianimazione dell'ospedale Santo Spirito: non sarebbe in pericolo di vita, ma i medici sono preoccupati per le possibili conseguenze di un trauma cranico.

I FATTI
- A raccontare i fatti, ancora non completamente chiariti, è il quotidiano diretto da Mario Sechi. Quattro ragazzi avrebbero circondato il ragazzo e dopo uno scambio di parole, l'hanno picchiato facendolo cadere a terra. La caduta ha provocato un ematoma alla testa che inizialmente ha fatto entrare il pizzaiolo marocchino in coma. Il 26enne marocchino è stato rapinato dell'orologio e di qualche altro effetto personale.


IL BRANCO
- A far essere certi che si trattasse di un'aggressione di gruppo sono le telecamere che hanno ripreso un gruppo di 4 persone che fuggivano. Anche una testimone, una donna delle pulizie, ha raccontato che si è trattato di un'aggressione di gruppo. E' stato proprio un suo urlo a mettere in fuga i quattro. Le immagini delle telecamere però non sono nitide abbastanza per mostrare il volto dei quattro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piazza Navona, pizzaiolo marocchino aggredito dal branco: è grave

RomaToday è in caricamento