Cronaca

Piste ciclabili, BiciRoma: "Sulla dorsale del Tevere il degrado continua"

'BiciRoma' segnala il degrado in cui versa la dorsale del Tevere, tra l'immondizia a terra e la mancanza di segnaletica. E c'è anche chi utilizza la pista ciclabile come toilette, in pieno giorno

Piste ciclabili sempre più vittime dell’incuria, e un' amministrazione, nella fattispecie l’Assessore alla mobilità Visconti, tutt’altro che solerte a prendere provvedimenti. La denuncia arriva da Fausto Bonafaccia presidente dell’associazione BiciRoma, che già in passato aveva segnalato lo stato di degrado in cui versano le piste ciclabili romane.
“L’assessore Visconti – dice Bonafaccia in una nota - per quel che riguarda la mobilità ciclistica sta deludendo ogni aspettativa. La situazione della vegetazione incolta lungo le poche ciclabili romane sta degenerando e l’Assessore sembra non prendere provvedimenti a quanto ci dicono i nostri iscritti con le loro segnalazioni”.


Le segnalazioni di cui parla Bonafaccia riguardano la dorsale del Tevere, ed effettivamente le documentazioni fotografiche degli iscritti di BiciRoma sono abbastanza eloquenti: dai due stranieri che usano lo storico Ponte Sisto come loro toilette in pieno giorno incuranti del passaggio di altre persone, al secchio dell’immondizia buttato di sotto dal lungotevere soprastante, alla mancanza della segnaletica orizzontale e verticale che genera pericolo e confusione nei ciclisti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piste ciclabili, BiciRoma: "Sulla dorsale del Tevere il degrado continua"

RomaToday è in caricamento