rotate-mobile
Sabato, 22 Giugno 2024
Cronaca Talenti / Via Ugo Ojetti

Preso il piromane di Montesacro: ecco come dava fuoco ai cassonetti dei rifiuti

Accusato di furto in un negozio di casalinghi è stato trovato in possesso di un sistema di combustione artigianale

Un sistema di combustione artigianale, composto da un semplice stoppino a cui dava fuoco. Ha un nome ed un volto il piromane che a partire dalla fine del mese di marzo ha incendiato almeno due cassonetti, ma potrebbero essere molti di più, nella zona di Talenti e del municipio Montesacro. Cinquant'anni, residente a Ladispoli, l'incendiario è gravemente indiziato di incendio e furto aggravato. A scovarlo i carabinieri.

In particolare l'uomo è stato fermato dai militari della stazione Roma Città Giardino in viale Jonio,  mentre si trovava a bordo di un monopattino, e durante il controllo è stato trovato in possesso di merce risultata provento di un furto messo a segno, pochi istanti prima, in un vicino negozio di casalinghi. Inoltre, il 50enne italiano aveva un sistema di combustione artigianale composto da uno stoppino.

Considerata l'escalation di episodi di roghi dolosi di cassonetti dei rifiuti, registrata nell’ultimo periodo nella zona, i carabinieri hanno avviato una serie di accertamenti grazie alle immagini delle telecamere di videosorveglianza, acquisite nel corso dei sopralluoghi scattati subito dopo gli eventi incendiari e sono emersi gravi indizi di colpevolezza nei confronti del 50enne. In alcuni dei video esaminati, infatti, i militari hanno riscontrato che il soggetto ripreso dalle telecamere mentre appiccava gli incendi, vestiva indumenti perfettamente compatibili con quelli indossati dal 50enne al momento del controllo.

Per ora, sono due gli incendi di cui l’uomo è gravemente indiziato essere l’autore, entrambi appiccati a fine marzo scorso nella zona di via Ugo Ojetti, a Talenti. Per questo motivo gli investigatori hanno sottoposto il 50enne a fermo di indiziato di delitto e su disposizione della procura della Repubblica è stato condotto nel carcere di Rebibbia.

Il 2 aprile scorso, il fermo a carico del 50enne è stato convalidato dal gip del tribunale di Roma che, contestualmente, ha emesso a suo carico il divieto di ritorno nel comune di Roma. Non si esclude che il 50enne possa essere l'autore di altri incendi di cassonetti registrati nello stesso periodo in viale Jonio e via Maiella. 

Il fermo del piromane ha trovato il ringraziamento dell'assessora all’agricoltura, ambiente e ciclo dei rifiuti di Roma Capitale Sabrina Alfonsi: "Esprimo il mio plauso ai carabinieri della Stazione Città Giardino per l’attività investigativa svolta che ha consentito di individuare e arrestare l’autore di diversi roghi dolosi ai danni dei cassonetti dei rifiuti nel quartiere Montesacro. Purtroppo i danneggiamenti ai mezzi alle strumentazioni di Ama nella nostra città è fenomeno ancora troppo frequente su cui vogliamo richiamare l’attenzione e la vigilanza di tutti". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Preso il piromane di Montesacro: ecco come dava fuoco ai cassonetti dei rifiuti

RomaToday è in caricamento