Nasconde la cocaina nel bar concorrente per farlo chiudere: nei guai Pino Pelosi

La scoperta a Colleverde di Guidonia lo scorso mese marzo. Le indagini della polizia hanno permesso di ricostruire quanto accaduto scagionando i soggetti presi di mira e denunciando per calunnia il mandante e la 'Rana'

Giuseppe 'la rana' Pelosi dopo l'assassinio di Pasolini

Ha provato a smantellare la concorrenza denunciando in forma anonima uno spaccio di cocaina in un bar di Colleverde di Guidonia lo scorso mese di marzo. In piazza Colleverde i poliziotti rinvennero infatti otto 'pezzi' di cocaina nel bagno senza trovare altra droga nell'abitazione del gestore dell'esercizio commerciale. A nascondere la 'merce', secondo gli investigatori, Giuseppe Pelosi, conosciuto alle cronache nazionali come l'assassino reo confesso dell'omicidio di Pier Paolo Pasolini all'Idroscalo di Ostia.

INDAGINI DELLA POLIZIA - Gli investigatori del Commissariato di Tivoli, diretti dalla dottoressa Maria Chiaramonte, ricevuta la segnalazione hanno subito iniziato le indagini per verificare la notizia acquisita. Nel corso di una perquisizione effettuata, effettivamente i poliziotti hanno rinvenuto otto involucri di cocaina nascosti all’interno dei bagni e sotto il bancone. Gli investigatori, però, pur avendo avuto riscontri positivi alla notizia ricevuta, hanno capito che qualcosa non andava.

COCAINA SOLO NEL BAR - Il quadro generale, infatti, non faceva presumere che i titolari del bar potessero essere i responsabili di un traffico di stupefacenti. Oltre agli 8 involucri, infatti, nel bar non era stato trovato altro. Anche nell’abitazione dei sospettati non erano state trovate tracce che facessero presumere un’attività di spaccio: né droga, né bilancini di precisione, nessuna sostanza da taglio o materiale per il confezionamento delle dosi.

APPROFONDIMENTO DELLE INDAGINI - Gli agenti, pertanto, hanno voluto approfondire le indagini. A tal fine hanno visionato i video delle telecamere di sorveglianza poste all’interno del bar fino ad accorgersi di una persona, poi risultata essere Giuseppe Pelosi, oggi 56enne, che dopo aver chiesto un caffè si era diretto verso il bagno e, inchinatosi proprio dove era stata ritrovata la droga, aveva estratto dalle tasche degli involucri che aveva poi celato sotto al bancone, approfittando di un attimo di distrazione della titolare.

UTENZA TELEFONICA - Le successive indagini hanno permesso di risalire all’intestatario dell’utenza telefonica dalla quale era stata effettuata la telefonata anonima, che è risultato essere una vecchia conoscenza degli investigatori e proprio la stessa persona ripresa dalle telecamere del bar.  

COMPLICITA' DEL BARISTA - Le ulteriori indagini hanno inoltre fatto emergere i legami e la complicità dell’anonimo denunciante con il titolare di una bar concorrente di via Monte Bianco, poco distante da piazza di Colleverde, un 35enne romano, da tempo in lite con l’attività commerciale concorrente.

CONCORRENTE SCOMODO - Il quadro a questo punto è risultato chiaro. Il tutto era stato architettato per togliere di mezzo un concorrente scomodo. Pertanto le due persone individuate dagli investigatori sono state denunciate per concorso nella detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e calunnia.

PINO LA 'RANA' - 'Pino la rana' come è conosciuto Pelosi, il 2 novembre del 1975 aveva appena 17 anni quando venne fermato alla guida della Alfa Romeo Giulia GT 2000 del regista friulano trapiantato nella Capitale, mentre guidava contromano sul lungomare di Ostia. Reo confesso, sicuro di una assoluzione per legittima difesa a dei presunti soprusi e minacce di Pasolini, il 26 aprile 1979 la 'Rana' venne condannato definitivamente dalla Corte di Cassazione a nove anni e sette mesi di reclusione per l'omicidio volontario in concorso con ignoti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colonna di fumo invade il Raccordo Anulare, chiuso in entrambe le direzioni

  • Elezioni comunali 2021: Federico Lobuono si candida a sindaco di Roma

  • Sciopero 25 settembre: a Roma metro e bus a rischio per 24 ore

  • Sciopero Roma: oggi metro, bus e tram a rischio per 24 ore. Gli orari

  • Coronavirus, a Roma 141 casi: è il dato più alto da inizio pandemia. Nel Lazio 238 contagi. Il bollettino del 22 settembre

  • Coronavirus Roma, studenti positivi a Nuovo Salario e Acilia. Sanificato plesso a Tor de' Schiavi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento