Cronaca Pigneto

Il rapinatore con la mano fasciata incubo del Pigneto è stato arrestato

A pesare ancor di più sulle sue sorti è stata l'identificazione certa da parte delle vittime nel corso del riconoscimento fotografico

Ha colpito due volte in pochi giorni, rapinando due residenti del Pigneto. La scorsa notte, i carabinieri della Stazione piazza Dante hanno sottoposto a fermo di indiziato di delitto, con l'accusa di rapina, un senegalese di 22 anni, nella Capitale senza fissa dimora e con precedenti.

Il giovane è ritenuto responsabile di almeno 2 rapine messe a segno rispettivamente l'1 e il 7 aprile scorsi nella zona del Pigneto, ai danni di un 31enne originario della provincia di Salerno e domiciliato a Roma e di un indiano di 25 anni.

I colpi sono stati messi a segno rispettivamente in via L'Aquila e in via Macerata: nel primo caso il ladro aveva strappato dalle mani del 31enne una banconota da 20 euro mentre si stava servendo di un distributore automatico di sigarette, nel secondo caso era riuscito ad arraffare lo smartphone e il portafogli del 25enne indiano che stava entrando nel portone condominiale. In quest'ultimo caso, la vittima è stata anche minacciata con un coltello.

In sede di denuncia, una delle vittime aveva indicato ai Carabinieri che il rapinatore aveva una evidente ferita alla mano protetta da una fasciatura, mentre entrambi erano riusciti a descrivere fedelmente l’abbigliamento del malfattore. Nella serata di ieri, i carabinieri transitando in piazzale Prenestino, hanno notato il cittadino senegalese con una vistosa fasciatura alla mano sinistra, decidendo di fermarlo per approfondire le verifiche sul suo conto. In caserma, gli investigatori hanno accertato che il ragazzo era vestito esattamente come descritto nelle denunce.

Non solo: le immagini delle telecamere di videosorveglianza delle zone dove si erano consumate le rapine, già analizzate dai militari nel corso dell’attività d’indagine, hanno dato un’ulteriore conferma sulle responsabilità del 22enne in ordine alle rapine commesse. A pesare ancor di più sulle sue sorti è stata l’identificazione certa da parte delle vittime nel corso del riconoscimento fotografico. Per il cittadino senegalese si sono aperte le porte del carcere di Velletri, in attesa delle decisioni dell’Autorità Giudiziaria.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il rapinatore con la mano fasciata incubo del Pigneto è stato arrestato

RomaToday è in caricamento