rotate-mobile
Cronaca

Picchia il padre e minaccia la madre, non poteva avvicinarsi alla loro casa

Alla vista della polizia il 55enne si è scagliato contro gli agenti

Non poteva avvicinarsi ai genitori l'uomo arrestato dalla polizia dopo aver picchiato il padre e minacciato la madre. Un romano di 55 anni, finito in carcere per aver violato la misura cautelare del divieto di avvicinamento nei confronti dei propri genitori e poiché gravemente indiziato del reato di resistenza a pubblico ufficiale.

 Gli investigatori hanno accertato che il 55enne si era introdotto presso l’abitazione familiare contro la volontà dei suoi genitori, utilizzando un mazzo di chiavi di cui era in possesso ingiustificatamente, aggredendo verbalmente e poi fisicamente il padre, colpendolo in volto, per poi allontanarsi. Dopo poco, il 55enne si è recato nuovamente a casa iniziando a citofonare insistentemente e, alla risposta della madre, l’ha insultata e minacciata.

A questo punto, le vittime hanno allertato gli agenti, tramite il 112, i quali, giunti sul posto, dopo una breve colluttazione, lo hanno bloccato. L’arresto, su richiesta della procura della Repubblica, è stato convalidato dal gip del tribunale di Roma.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Picchia il padre e minaccia la madre, non poteva avvicinarsi alla loro casa

RomaToday è in caricamento