rotate-mobile
Cronaca Ciampino

Testata alla ex mentre i figli sono in dad, chiesto rinvio a giudizio per ex consigliere comunale di Ciampino

La procura ha chiesto il processo per Massimo Balmas, ex presidente (auto sospeso) del consiglio comunale della cittadina. Le accuse sono diffamazione, stalking e lesioni personali

Diffamazione, stalking e lesioni personali: sono le accuse per cui è stato chiesto il processo per il leghista Massimo Balmas, sino a qualche settimana fa presidente del consiglio comunale di Ciampino, accusato di avere insultato, minacciato e poi aggredito fisicamente l’ex compagna durante una lezione in didattica a distanza dei due figli piccoli.

La denuncia era stata presentata ai carabinieri e alla procura di Velletri lo scorso marzo, dopo l’episodio più grave: stando a quanto riferito dalla donna, Balmas le aveva chiesto di andare a casa sua per dargli una mano a gestire i figli di 6 anni durante la dad e una volta nell’appartamento, usando come pretesto una banale discussione, le avrebbe sferrato all’improvviso una testata al viso. Tutto mentre i bambini erano collegati con i compagni di classe e gli insegnanti.

Agli inquirenti, l’ex compagna di Balmas - una donna di 33 anni - ha raccontato di mesi di insulti, minacce e commenti denigratori su Facebook culminati con la violenza. Gli stessi episodi cui fa riferimento il pm nella richiesta di rinvio a giudizio parlando di “offese alla reputazione e all’onore”, “continue denigrazioni e insulti anche in presenza dei figli minori”, “minacce di morte” rivolte anche al nuovo compagno e infine dell’aggressione fisica. I medici che avevano visitato la donna medicandola per la testata alla fronte avevano inoltre certificato “un perdurante e grave stato di ansia, paura e timore per la propria incolumità”, elemento citato anche dal pm nella richiesta di rinvio a giudizio.

Balmas dal canto suo ha sempre negato di avere picchiato l’ex compagna e di averla insultata e minacciata, dichiarandosi “completamente estraneo ai fatti” e sottolineando di avere chiesto lui stesso l’intervento dei carabinieri il giorno dell’aggressione: “Mi rimetto alla competente attività giudiziaria”, aveva detto quello che oggi è l’ex presidente del consiglio comunale di Ciampino, auto sospeso. L’udienza preliminare che deciderà il prosieguo della vicenza è fissata per il prossimo 2 dicembre.

“La richiesta di rinvio a giudizio a carico del signor Balmas conferma che i fatti oggetto di denuncia da parte della mia cliente, a fronte delle indagini svolte dalla procura di Velletri, non sono fantasie ma reati gravi - ha detto l’avvocato Sebastiano Russo, che ha difeso la vittima sin dalle prime battute della vicenda - Reati resi ancor più odiosi in quanto consumati in un contesto famigliare alla presenza di due minorenni, in tenera età”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Testata alla ex mentre i figli sono in dad, chiesto rinvio a giudizio per ex consigliere comunale di Ciampino

RomaToday è in caricamento