Cronaca

Piazza Bologna, stretta nelle ore della movida: multati sei bar

Al termine delle attività, i Carabinieri di Roma hanno identificato, in totale, 266 persone ed eseguito verifiche su 107 veicoli

Le forze dell'ordine continuano la stretta contro la 'malamovida' di Roma. Nella serata di ieri e fino a notte fonda, i carabinieri, con la collaborazione dei militari dei Gruppi Tutela Salute, Tutela Lavoro e Forestale di Roma, hanno eseguito un servizio di controllo mirato sia per sciogliere eventuali assembramenti, ma anche per verifica del rispetto delle normative per il contenimento di episodi di movida selvaggia che negli ultimi giorni hanno visto diversi quartieri finire al centro delle cronache.  

Il bilancio dei controlli 

I controlli hanno visto un focus intenso nel quartiere Nomentano, piazza Bologna al Flaminio e all'interno del parco Colle Oppio. Il bilancio dei controlli è di 6 esercizi pubblici sanzionati, 5 giovani multati per consumo di bevande alcoliche oltre l'orario consentito e due studenti segnalati all'Ufficio Territoriale del Governo di Roma perché trovati in possesso di modica quantità di sostanze stupefacenti – cocaina e marijuana - per uso personale.

Nei guai titolari di 6 bar

Nello specifico, i carabinieri hanno eseguito accertamenti in 18 attività sanzionando i titolari di quattro bar nei pressi di piazza Bologna dove è stata riscontrata la vendita di bevande alcoliche al banco, per il successivo asporto, al di fuori dagli orari previsti, sorprendendo e fermando 9 acquirenti. Sempre nelle vicinanze di piazza Bologna, in un altro bar-ristorante, i carabinieri hanno sequestrato 65 chili di alimenti scaduti, multando il gestore. Multato anche il titolare di un bar, dove è stata accertata la presenza di personale in "nero" in misura superiore al 20%. I carabinieri hanno proceduto alla sospensione dell’attività in attesa della regolarizzazione della posizione dei dipendenti.

Controlli capillari anti Covid, sono stati poi eseguiti nell'area centrale di piazza Bologna e all'interno del parco Colle Oppio, zone maggiormente frequentate da giovanissimi, dove i carabinieri hanno sciolto diversi assembramenti.  

Le proteste dei residenti contro la 'malamovida'

E proprio in alcuni di quei quartieri, nelle ultime ore, la voce dei cittadini in protesta contro schiamazzi, bivacchi e urla nel cuore della notte, si è fatta più forte. Al Flaminio, in via Masaccio, i residenti avevano affisso dei striscioni, stanchi dei rumori incontrollati della notte, con una parte del quartiere in rivolta contro le serate di musica a tutto volume del locale interno al museo 'Maxxi', il Mediterraneo, gestito dalla società che ha vinto il bando per il servizio di ristorazione. Proteste che ieri invece hanno riguardato chi vive in zona piazza Bologna.

Qui i residnenti di San Lorenzo, Trastevere, Campo Marzio, Rione Monti e, appunto, piazza Bologna si sono voluti incontrare e unire le forze contro la 'malamovida' che, soprattutto nelle ultime settimane, è balzata agli onori della cronaca per risse, lanci di bottiglie contro gli agenti di polizia, bivacchi e schiamazzi fino all'alba. 

L'Amministrazione comunale, dal canto suo, per cercare di limitare i disordini oggi ha annunciato una nuova ordinanza antialcol e divieto di asporto e circolazione di bevande in vetro firmata dalla sindaca Virginia Raggi. Il provedimento sarà in vigore fino al 15 settembre 2021 ed ha, nelle intenzione del Campidoglio, una duplice finalità: "Da una parte contrastare il fenomeno della movida selvaggia che coinvolge diverse aree del territorio, soprattutto quelle del Centro Storico e, nello stesso tempo, proseguire l’azione di contrasto alla diffusione dei contagi evitando il moltiplicarsi di assembramenti e di reazioni ingiustificate ai controlli delle forze dell'ordine".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piazza Bologna, stretta nelle ore della movida: multati sei bar

RomaToday è in caricamento