Ecco il Piano Neve, la Protezione Civile pronta alle emergenze

Dal sale sulle strade alla manutenzione della rete viaria, fino all'individuazione di utenze fragili

L'Agenzia regionale di Protezione civile si prepara ad affrontare condizioni climatiche critiche. In vista del gelo, ma anche di significative precipitazioni nevose, la capacità operativa dei volontari regionali non verrà meno. Per questo è stato predisposto un quadro di azione, in grado di coordinare i diversi ambiti in cui si sviluppa l'azione delle Protezione civile.

Gli ambiti d'intervento

Si va dalla previsione, al soccorso alla popolazione. Il piano neve contempla tutti i settori in cui opera la Protezione civile del Lazio. Quindi dall'acquisizione dei dati previsionali relativi agli eventi atmosferici, si passa alla prevenzione che serve ad evidenziare ogni possibile criticità. A queste, devono rispondere delle misure di contrasto. Dal sale sulle strade alla manutenzione della rete viaria, fino all'individuazione di utenze fragili. E' un aspetto importante del piano d'azione, perchè da esso deriva la capacità di assistere la popolazione, mettendo a disposizione attrezzature e risorse. Inoltre, si legge in una nota dell' Agenzia regionale di Protezione Civile del Lazio  "il piano prevede anche la capacità di effettuare la Manutenzione della Rete viaria che rientra tra le competenze istituzionali dei singoli Enti proprietari delle strade (Comuni, Province, Regione, ANAS)"

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I mezzi a disposizione ed i Comuni terremotati

A proposito di risorse, quelle di cui dispone la Protezione Civile del Lazio sono le seguenti: 63 lame spazzaneve, 115 Pick-Up idonei al servizio neve, 75 mezzi polifunzionali con assetto neve, 35 turbine a mano e 219 mezzi spargisale. Infine – si apprende sempre nella nota dell' Agenzia regionale di Protezione Civile – una particolare pianificazione operativa è dedicata ai territori colpiti dagli eventi sismici del 24 agosto 2016 in conseguenza della fragilità territoriale che ne è conseguita. I Comuni hanno provveduto infatti a pianificare le attività di manutenzione stradale sulla base delle ordinarie competenze e anche per la viabilità di accesso alle aree SAE loro consegnate”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Coronavirus, a Roma 342 nuovi casi. L'allarme di D'Amato: "Siamo a livello arancione". I dati Asl del 16 ottobre

  • Coronavirus, a Roma 462 casi: sono 939 in totale nella regione. C'è un nuovo focolaio nel Lazio

  • A Roma la stretta anti Covid, Raggi chiede più controlli: nel week end task in campo tra movida e periferie

  • Coronavirus, a Roma 494 casi. Nel Lazio 994 nuovi contagi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento