Martedì, 26 Ottobre 2021
Cronaca

Pesca abusiva: pescatori finiscono nei guai, sequestrati 6500 ricci di mare

Verso i pescatori sono state elevate quattro sanzioni amministrative pecuniarie per un totale di 10mila euro

La Guardia Costiera di Civitavecchia, congiuntamente alla Compagnia Carabinieri - Nucleo Operativo e Radiomobile, ha operato un ingente sequestro di 6500 ricci
a danno di due pescatori lungo la costa di Santa Marinella, sferrando un duro colpo alla pesca abusiva dei preziosi frutti di mare.

Alle ore 20.00 circa, la Sala Operativa della Capitaneria di Civitavecchia veniva infatti allertata, da parte di un segnalante, circa la presenza di quattro presunti pescatori non autorizzati, intenti nell’attività illecita di raccolta di echinodermi. Veniva quindi disposto l’immediato intervento del personale dell’Ufficio Locale Marittimo di Santa Marinella e richiesto il supporto del Nucleo Operativo e Radiomobile dei Carabinieri di Civitavecchia.

Le attività di ricerca e appostamento dei militari intervenuti portava, alle ore 22.00 circa, all’identificazione di due dei quattro pescatori segnalati, nei confronti dei quali venivano elevate quattro sanzioni amministrative pecuniarie per un totale di 10mila euro, e disposto il contestuale sequestro di più di 3000 ricci, illecitamente depredati dai fondali antistanti le coste di Santa Marinella, nonché delle attrezzature utilizzate.

Ulteriori accertamenti, atti ad individuare ulteriori trasgressori, permettevano il ritrovamento di altri 3500 ricci, presumibilmente abbandonati dai restanti malfattori datosi nel frattempo alla fuga. I 6500 ricci, ancora vivi e vitali, provento dell’attività criminosa, venivano successivamente rigettati in mare arginando in tal modo qualsiasi danno al delicato ecosistema marino delle coste interessate.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pesca abusiva: pescatori finiscono nei guai, sequestrati 6500 ricci di mare

RomaToday è in caricamento