Cronaca

Ciampino, parcheggi per invalidi: su 34 controllati 32 sono falsi

I controlli hanno riguardato i parcheggi nei pressi della stazione dove i pendolari prendono il treno per Roma. Su 34 permessi, solo due sono stati trovati con un invalido nella vettura

Sono durati tre mesi i controlli effettuati dalla polizia locale di Ciampino per scoprire quelli che utilizzavano permessi per il parcheggio destinati a invalidi senza averne i requisiti. I controlli, svolti da agenti in borghese, hanno riguardato i parcheggi nei pressi della principale stazione ferroviaria cittadina utilizzati, per lo più, da pendolari che ogni giorno prendono il treno per Roma.
In tutto sono stati ritirati 32 permessi per il parcheggio destinati agli invalidi, pari al 94% dei 34 permessi utilizzati in Piazza Luigi Rizzo e Piazzale Kennedy.

Durante i controlli si è proceduto con rilievi fotografici a tutte le autovetture che sostavano sia sui posti destinati agli invalidi che sulle strisce blu delle soste a pagamento e proseguivano, nella quasi totalità dei casi, il viaggio in direzione Roma con il treno, occupando quindi i posti impropriamente per molte ore al giorno. Nelle giornate di venerdì 15 e martedì 19 aprile gli agenti hanno atteso il ritorno degli automobilisti verificando la presenza dell’invalido e, in caso contrario, procedendo alla contestazione delle infrazioni.

Hei pressi della stazione, ancora una volta si è verificata una elevata casistica di infrazioni, che vanno dall’uso improprio di tagliando originale, all’uso di un tagliando in fotocopia scaduto e intestato a persona defunta da tre anni; dal caso di tagliando originale scaduto ed anch’esso intestato a persona defunta, ai due casi di utilizzo contemporaneo del medesimo tagliando su diverse autovetture, al caso di trasgressore che oltre ad utilizzare un tagliando in fotocopia senza l’invalido presente aveva anche la patente con i punti a zero, fino al caso di un trasgressore recidivo dal 2008. Anche in questo caso, come nei mesi precedenti, si nota come i tagliandi ritirati sono stati emessi per lo più da comuni dell’hinterland (Roma, Marino, Castel Gandolfo, Rocca di Papa e Albano Laziale) e, in due casi, da comuni di altre regioni (uno in provincia di Trento ed uno in provincia di
Salerno).

Tutti i tagliandi ritirati verranno ora inviati all’ente che li ha emessi per verificarne la validità e l’autenticità e, in caso contrario, per procedere con la contestazione degli eventuali reati che verranno riscontrati. Nel corso dell’operazione gli agenti hanno inoltre raccolto la testimonianza degli unici due casi di permessi utilizzati correttamente dall’invalido presente a bordo (uno emesso dal Comune di Ciampino ed uno dal Comune di Roma) che hanno lamentato la mancanza di posti troppo spesso occupati da chi non ne ha il diritto.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ciampino, parcheggi per invalidi: su 34 controllati 32 sono falsi

RomaToday è in caricamento