Cronaca

Pavona: i cittadini ripuliscono la stazione

Per ripulire la stazione cittadina da scritte, graffiti e frasi innegianti alla violenza, i cittadini di Pavona di Albano con associazioni e comitati di quartieri si sono armati di vernice e pennello e hanno ridipinto a proprie spese i muri della stazione ferroviaria

Spesso le realtà periferiche delle città, più o meno grandi, sono abbandonate nel degrado e trascurate nel decoro urbano. Così è anche per Pavona, circoscrizione periferica di Albano, ed in particolar modo per la stazione ferroviaria che fino a ieri era totalmente imbrattata da scritte inneggianti all'odio, al razzismo e la nazifascismo, non costituendo di certo un bel biglietto da visita per la cittadina a pochi passi da Roma.

A pensare di ripulire i muri della stazione non ci hanno pensato l'amministrazione locale e le ferrovie, ma un gruppo di giovani e i comitati di quartiere che nella giornata di ieri, 24 gennaio, si sono armati di vernice e pennelli e hanno imbiancato l'intera stazione ferroviaria.

A proporre l'iniziativa di azione civile l'associazione culturale “Il Binario”, nata alcuni mesi fa da un gruppo di ragazzi e ragazze della località di Pavona, coadiuvati dal comitato di Quartiere “Pavona Uno” e dall'Anpi che ha voluto portare la sua testimonianza per coprire le scritte antisemite con il presidente del circolo di Albano Laziale Ennio Moriggi.

Beatrice D'Urbano
, presidente dell'associazione che ha promosso l'evento, si è detta felice della partecipazione di oltre trenta cittadini alla ripulitura della stazione e ha spiegato i motivi dell'iniziativa: ““Il Binario” è un’Associazione culturale nata da pochi mesi;  cerca di riunire i territori di Pavona di Albano, Cecchina e Pavona di Castel Gandolfo, unendoli in un immaginario binario che li collega, perché queste realtà rispondono tutte all’esigenza non solo di un’innovazione culturale, ma anche di un rinnovamento nella dilagante concezione che questi paesi sono diventati solo “città-dormitorio” per gli operai, gli impiegati e le loro famiglie. Aver dato anche solo simbolicamente, una pennellata contro il degrado non solo ambientale ma soprattutto culturale è la testimonianza che siamo noi giovani a dover costruire la nostra città non solo per noi stessi ma, soprattutto, per renderla alla portata di tutti, in cui tutti possono sentirsi se stessi e vivere la loro vita con qualità nel proprio paese”

“Vorrei inoltre precisare che questa iniziativa è stata totalmente autofinanziata dai partecipanti, perché né l'amministrazione comunale, né le Ferrovie dello Stato, che nonostante i nostri inviti e sollecitazioni non si sono mostrate interessate all'iniziativa.”- ha precisato la giovane presidente dell'associazione.

L'unico esponente politico che ha aderito all'iniziativa è stato il vice-presidente del Consiglio Comunale e consigliere di opposizione Pino Rossi che ha rilasciato una dichiarazione per RomaToday a margine della giornata di pulitura della stazione: “ Da cittadino trovo lodevole l'iniziativa promossa dalla società civile e dai comitati di quartiere a cui ho aderito per amore del luogo dove abito, da esponente politico mi rammarico dell'assenza dell'amministrazione comunale non solo in questa occasione, ma proprio nella gestione delle realtà periferiche ormai abbandonate a se stesse da oltre dieci anni. Spero si possa presto voltare pagina”.

pavona-stazionepavona-stazione-2pavona-stazione-3
pavona-stazione_1pavona-stazione-1






Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pavona: i cittadini ripuliscono la stazione

RomaToday è in caricamento