Carabinieri in discoteca scoprono 5 spacciatori di pasticche a Ciampino

I militari si sono finti clienti del locale quando sono stati avvicinati da una coppia di Spoleto che ha offerto loro alcune dosi di cristalli di metanfetamina. In manette 5 pusher: una di loro nascondeva la 'roba' nel reggiseno

Sono stati arrestati la scorsa notte all'interno di una discoteca di Ciampino, in viale Kennedy. I 5 giovani pusher, tra i quali anche 3 donne, sono stati "pizzicati" dai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Castel Gandolfo con l'accusa di detenzione ai fini di sostenze stupefacenti.

MILITARI IN BORGHESE - Ad insospettire i militari è stato il gran via vai di giovani lungo il parcheggio del locale. Dopo essersi finti dei clienti, i Carabinieri sono quindi scesi in abiti civili nelle piste da ballo quando sono stati avvicinati da una coppia di Spoleto in trasferta per un week end in occasione della festa degli innamorati. I due, inconsapevolmente, hanno scambiato qualche battuta con i militari offrendo loro alcune dosi di metanfetamina.

DROGA NEL REGGISENO - A quel punto non c'è voluto molto per recuperare la ventina di bustine che i due occultavano tra i capi del loro abbigliamento. Stessa sorte per tre giovani romani che, nell'attesa di entrare nella discoteca, erano intenti a smerciare la stessa droga ai loro coetanei. I militari, dopo averli bloccati e perquisiti, hanno recuperato più di venti bustine della stesso stupefacente che una dei tre, 20enne, nascondeva nel reggiseno, trovando pure molte dosi di marijuana occultate all'interno di una tasca ricavata nella fodera del giubbotto di un altro coetaneo.

L'ECSTASY - Secondo quanto confermato dai Carabinieri, era molto tempo che non veniva sequestrato stupefacente di questo tipo. L'MDMA, o più comunemente ecstasy, è una droga sintetica che nella forma pura si presenta come una polvere bianca cristallina, anche se la si trova sotto forma di pasticche, vivacemente colorate e contraddistinte da loghi, che vengono ingerite, oppure in polvere o cristalli che vengono sniffati o disciolti in acqua o in bevande alcoliche, come quella sequestrata. Si tratta di una droga insidiosissima poiché agisce sul sistema nervoso centrale inducendo un massiccio rilascio di un neurotrasmettitore, la serotonina, che altera drasticamente le funzioni dell'organismo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I cinque spacciatori sono stati ammanettati e dovranno ora rispondere di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti, rischiando fino a venti anni di reclusione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torvaianica, sparatoria tra i bagnanti sulla spiaggia: ferito un uomo

  • Colonna di fumo invade il Raccordo Anulare, chiuso in entrambe le direzioni

  • Referendum, come si vota? Cosa succede se vince il sì, cosa succede se vince il no

  • Sciopero 25 settembre: a Roma metro e bus a rischio per 24 ore

  • Sciopero Roma: oggi metro, bus e tram a rischio per 24 ore. Gli orari

  • Coronavirus, a Roma 141 casi: è il dato più alto da inizio pandemia. Nel Lazio 238 contagi. Il bollettino del 22 settembre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento