menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Choc nel parcheggio del supermercato: cliente non lascia il carrello al mendicante e finisce ferito in una pozza di sangue

Il ferito, soccorso in ospedale e sottoposto ad intervento chirurgico per le ferite riportate al collo, al volto e sul torace, ne avrà per 15 giorni 

Choc nel parcheggio di un supermercato di Anzio, comune del litorale alle porte di Roma, dove un cliente è stato brutalmente aggredito da un mendicante e lasciato in una pozza di sangue, dopo essere stato colpito con un pezzo di vetro. Una lotta violenta che è costata l'arresto, per tentato omicidio, di un 25enne. A generare la lite il fatto che la vittima non volesse lasciare al suo giovane aggressore il carrello della spesa, e quindi qualche spiccio.

E' questa la ricostruzione che, nel pomeriggio di lunedì 30 novembre, gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato di Anzio, si sono ritrovati davanti nel parcheggio di un noto discount della zona. 

A pochi metri di distanza dal ferito, sanguinante, i poliziotti hanno trovato anche un altro uomo che stava cercando di allontanarsi in fretta. Prontamente gli agenti, insieme ai sanitari del 118, hanno prestato soccorso al ferito e, subito dopo, hanno raggiunto lo straniero che stava scappando. Si trattava di un nigeriano di 25 anni, aveva ancora tra le mani la bottiglia di vetro rotta e sporca di sangue con cui aveva aggredito e ferito la vittima.

Assicurato nell'auto di servizio, è stato accompagnato negli uffici di polizia dove è stato arrestato per tentato omicidio.

Il ferito invece, soccorso in ospedale e sottoposto ad intervento chirurgico per le ferite riportate al collo, al volto e sul torace, ne avrà per 15 giorni. Non è in pericolo di vita quindi. Le successive indagini hanno consentito di accertare che il motivo della lite era legato alla sistemazione dei carrelli della spesa.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Notizie

Blocco traffico a Roma: domenica 24 gennaio niente auto nella fascia verde

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cultura

    "Ma che c'hai prescia?", cosa significa e perché si dice così

  • Sicurezza

    Come eliminare l’odore di fumo in casa

  • social

    "Fa er provola", perché si dice così?

Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento