rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Cronaca Esquilino / Via Giovanni Giolitti

Termini: avvicina donne sole e le palpeggia fuori la stazione, arrestato 26enne

Il maniaco stato arrestato dalla Polizia di Stato per aver palpeggiato due donne tra via Gioberti e via Giolitti. Le vittime sono state sostenute dagli esperti della Polizia che le hanno aiutate anche a raccontare i fatti

Palpeggiava donne sole fuori la stazione Termini. E' successo nella notte quando un tunisino di 26 anni ha molestato, tra via Gioberti e via Giolitti, due ragazze. Il maniaco, fermato dalla Polizia, è stato arrestato e portato nel carcere romano di Regina Coeli.

IL PRIMO EPISODIO - Tutto è iniziato verso le 2 e mezza. Una romena è stata borseggiata da un uomo di colore che per vincere la sua resistenza l'ha colpita violentemente. Proprio mentre la vittima era in terra, in stato confusionale, si è avvicinato il 26enne tunisino che le ha palpeggiato insistentemente il seno.

L'uomo, vedendo in lontananza una pattuglia della Polizia, è poi fuggito. Gli agenti del commissariato Viminale, diretto da Giovanna Petrocca, hanno quindi soccorso la ragazza e diramato le ricerche dell'uomo via radio.

LA SECONDA MOLESTIA - Circa mezzora dopo la seconda molesti. La vittima una ragazza colombiana. Anche in questo caso l'aggressore, come dimostreranno le successive indagini, era lo stesso che aveva palpeggiato la ragazza romena.

I poliziotti, senza mai perderlo di vista, lo hanno raggiunto e bloccato in piazza Manfredo Fanti. Il tunisino, per sottrarsi all'arresto, ha colpito i due agenti che, non con poca fatica, lo hanno ammanettato.

LA DENUNCIA - In commissariato la ragazza colombiana racconterà che mentre fumava una sigaretta in via Giolitti è stata avvicinata dal maniaco 26enne che prima l'ha insultata poi, gettandolesi addosso, le ha infilato una mano nelle calze per toccarle il sedere e con l’altra mano le ha palpeggiato violentemente il seno.

ARRESTATO - Entrambe le vittime venivano sostenute fin dai primi minuti dagli esperti della Polizia di Stato che le hanno aiutate anche a raccontare i fatti. Il tunisino, che dagli accertamenti sull'identità è risultato irregolare sul territorio nazionale e gravato da numerosi precedenti di polizia, è stato accompagnato nel carcere romano di Regina Coeli.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Termini: avvicina donne sole e le palpeggia fuori la stazione, arrestato 26enne

RomaToday è in caricamento