menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ostia, maxi processo a clan Spada: ecco perché è Mafia

La sindaca Raggi, leggendo le motivazioni della Corte d'Assise: "Scenario inquietante"

Il clan Spada di Ostia "si connota come di stampo mafioso per il sistematico ricorso a mezzi violenti e intimidatori tali da generare un diffuso stato di assoggettamento e di omertà". Lo scrivono i giudici della Corte d'Assise di Roma nelle motivazioni della sentenza pronunciata il 24 settembre scorso nel maxiprocesso al clan del mare di Roma con 17 condanne e 7 assoluzioni. 

I giudici hanno riconosciuto anche l'associazione a delinquere di stampo mafioso. All'ergastolo erano stati condannati Carmine Spada, detto Romoletto, Roberto Spada, già condannato per la testata a Ostia al giornalista della Rai Daniele Piervincenzi, e Ottavio Spada, detto Marco. 

"Lo stampo mafioso del sodalizio e' rafforzato oltre che dai legami con la mafia siciliana - scrivono i giudici - dalla presenza di alcune tipiche connotazione dei contesti mafiosi come il rispetto dovuto ai capi e in genere tra gli associati e nei confronti dei membri delle famiglie alleate".

"E palese che il sodalizio capeggiato dagli Spada rivesta indiscutibile stabilità e durevolezza - si legge nelle motivazioni - stante l'ampio arco temporale del dispiegarsi delle sistematiche condotte di spoliazione, prepotere, violenza, infiltrazione,  intimidazione e presenti una solida organizzazione: stanti una distribuzione dei ruoli e dei settori di competenza piuttosto definita con la presenza anche di batterie". 

Secondo i giudici gli esponenti del clan potevano contare su "una capillare infiltrazione anche nei settori dell'amministrazione della polizia, nei vertici del Municipio di Ostia. Una infiltrazione tale da assicurare una presenza di informatori anche presso la struttura ospedaliera del Grassi come emerso dai timori riferiti da soggetti feriti che hanno preferito non sottoporsi alle cure. Una struttura, anche di controllo, tale da assicurare un flusso continuo e puntuale di introiti illeciti".

"Le motivazioni della sentenza che conferma associazione mafiosa per clan Spada descrivono scenario inquietante. Intimidazioni, violenze, rapporti con altre cosche e infiltrazioni in istituzioni. Noi sempre al fianco dei cittadini di Ostia", commenta la sindaca di Roma Virginia Raggi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento