Cronaca

Ostia, nasconde fucile da cecchino nel box: nei guai commerciante cognato del boss Fasciani

L'uomo è stato coinvolto nel procedimento penale Nuova Alba ed è cognato di Terenzio Fasciani, fratello del noto boss Carmine

Nascondeva un fucile da cecchino tra i materassi che poi vendeva. Nella zona di via della Martinica, ad Ostia, i poliziotti della Squadra Giudiziaria del commissariato Lido di Roma hanno arrestato per questo motivo un commerciante di 61 anni, responsabile del reato di detenzione illecita di arma comune da sparo.

L'attività di indagine ha avuto origine a seguito dell'incendio della Smart, che il 61enne stava comprando, avvenuto il giorno precedente del blitz che poi ha portato all'arrestato del commerciante.

Gli investigatori hanno analizzato i trascorsi criminali del 61enne, che lavorava presso un negozio in via delle Ebridi, notando subito il suo coinvolgimento nel procedimento penale Nuova Alba concernente il Fasciani di Ostia. Il soggetto era conosciuto alle forze dell'ordine per i suoi contatti con la criminalità organizzata del Litorale e una parentela "importante", il 61enne è cognato di Terenzio Fasciani, fratello del noto boss Carmine.

Gli agenti hanno proceduto immediatamente ad una perquisizione estesa sia ai locali commerciali di via delle Ebridi nonché ai garage seminterrati con l'intervento del Reparto Cinofili, con cani addestrati alla ricerca di armi ed esplosivi. All'interno di un box auto attiguo al negozio in cui lavorava e che aveva trasformato in abitazione di fortuna è stato rinvenuto un fucile da cecchino Weaterby Mark calibro 12,7 con matricola abrasa e relativo munizionamento abilmente nascosto tra i materassi. Tutto il materiale è stato sequestrato e per il 61enne sono scattate le manette. 

Ostia1 mod-3-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ostia, nasconde fucile da cecchino nel box: nei guai commerciante cognato del boss Fasciani

RomaToday è in caricamento