Cronaca

Controlli antidroga: sette spacciatori finiti in manette in poche ore

Nel corso di operazioni antidroga in varie zone di Roma, la Questura ha effettuato sette arresti, sequestrando diverse dosi di stupefancenti, denaro e materiale per il confezionamento

Nelle ultime ore sono sette i pusher arrestati dalla Questura, nel corso di altrettante operazioni antidroga in diverse zone della Capitale.

Due gli arresti nel Prenestino, uno nella zona del Quarticciolo e uno in via Tor Sapienza. Il primo riguarda un trentasettenne romano, sorpreso con svariate dosi di cocaina già pronte e circa duemila euro in contanti, ricavati dall'attività di spaccio. Gli agenti hanno seguito le mosse dell'uomo, che grazie al reticolato di strade e palazzi che caratterizza la zona del Quarticciolo, agiva indisturbato e ieri mattina si sono appostati nei pressi della sua abitazione. Uscito di casa, lo spacciatore ha intuito di essere controllato dalla Polizia ed è rientrato. Credendo di non essere visto, si è diretto verso la camera da letto e ha lanciato dalla finestra un involucro, poi recuperato dagli agenti, contenente cocaina. Durante la successiva perquisizione domiciliare la Polizia ha recuperato 1.910,00 euro in contanti e materiale per il confezionamento delle dosi. Arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, il trentasettenne è ora rinchiuso nel carcere di Regina Coeli.

Il secondo arresto nel Prenestino, invece, vede come protagonista un uomo di 47 anni, notato da una Volante della Polizia in via Tor Sapienza in compagnia di alcuni giovani, ai quali ha chiesto di allonatarsi quando si è accorto degli agenti. Lo spacciatore è stato trovato in possesso di un involucro contenente circa 5 grammi di cocaina, che ha tentato di nascondere nella manica del giubbotto, e di 220 euro. La Polizia ha poi proceduto con la perquisizione dell'abitazione dell'uomo, dove hanno rinvenuto altri 21 grammi della stessa sostanza stupefacente, materiale per il confezionamento delle dosi e oltre 3.000 euro in contanti, nascosti nel forno a microonde in cucina.

Altri fermi sono stati operati dagli agenti del Commissariato San Basilio e del Commissariato San Lorenzo nelle rispettive zone. Nel quartiere conosciuto come "Case Occupate", che comprende via Gigliotti e via Mechelli, è stato sorpreso a spacciare un minore di 18 anni. Per non essere pescato con il bottino in mano, al termine della vendita il ragazzo consegnava il denaro a due complici, che lo attendevano nelle vicinanze. Dopo una serie di appostamenti, gli agenti del Commissariato San Basilio hanno fermato e controllato i tre. Il minore è stato trovato con alcune dosi di hashish e cocaina e arrestato per spaccio, per poi essere associato in un Centro di Prima Accoglienza per minori. I suoi complici sono stati denunciati.

A San Lorenzo, invece, durante un normale servizio di pattugliamento in piazza dell'Immacolata i poliziotti hanno fermato un cittadino marocchino di 24 anni. Il ragazzo stava confabulando con alcuni passanti e, accortosi degli agenti, ha tentato di allontanarsi portando la mano dietro la schiena, come per nascondere qualcosa. Il ventiquattrenne è stato bloccato mentre cercava di dileguarsi e, perquisito, è stato trovato in possesso della dose di droga che aveva appena cercato di vendere.

In via Palmiro Togliatti, poi, gli agenti del reparto Volanti hanno sequestrato 25 grammi di hashish e un coltello a un ventiseienne, tradito dal nervosismo mostrato durante l'esibizione dei documenti. Anche in questo caso è scattato l'arresto e la denuncia per porto abusivo d'arma da taglio.
La stessa sorte è toccata a due fratelli di 29 e 22 anni durante un controllo degli agenti delle Volanti in via Valle dei Fontanili, a Primavalle. Dopo averli sorpresi con alcuni grammi di stupefacente, i poliziotti hanno perquisito la loro abitazione, trovandovi circa 1.000 euro, diverse dosi di hashish e marijuana e un utensile per triturare lo stupefacente.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Controlli antidroga: sette spacciatori finiti in manette in poche ore

RomaToday è in caricamento