Sabato, 20 Luglio 2024
Cronaca

"Disoccupato, 39 anni, ho una figlia di 8 e da 2 aspetto assunzione in Ama"

Luca aspetta da due anni e mezzo un'assunzione come operatore ecologico Ama che, senza spiegazione, non è mai arrivata. Come lui altri 250 aspiranti lavoratori, iscritti all'agenzia di lavoro Manpower

Trentanove anni, romano, abitante a Pietralata. Luca è tra i 250 impiegati che aspetta da due anni e mezzo un'assunzione in Ama. Nell'agosto del 2011 la municipalizzata apre un bando per operatori ecologici, addetti alla raccolta differenziata. L'esercito di aspiranti, iscritti all'agenzia di lavoro Manpower, colloquiati, formati, sottoposti a check up medico, non hanno mai cominciato a lavorare

"A settembre 2011 una mail dell'agenzia ci ha avvisato del dietro front dell'azienda - ci racconta Luca - improvvisamente in Ama hanno deciso che il personale non serviva più, ci siamo rivolti alla Manpower (che ha precisato alla redazione che non c'era alcun contratto tra i lavoratori e l'agenzia di lavoro, ndr) per avere spiegazioni ma il direttore non ha mai risposto. Siamo andanti da Cisl e Cgil ma nessuno ci ha saputo dire niente, Ama tanto meno". Una lotta che Luca ha cominciato in solitario per poi andare a caccia dei ragazzi che avevano affrontato il suo stesso iter e la sua stessa delusione. 

"Ho pensato che lamentarmi da solo dell'accaduto non sarebbe servito assolutamente a niente". Da qui l'idea di creare un gruppo social, "Operatori Ecologici Ama" su Facebook, che purtroppo non ha svoltato granché la situazione. 

"Sono disoccupato dal 2011, da quando Alitalia mi ha mandato a casa, ho fatto qualche lavoretto saltuario come addetto alle pulizie, tutti impieghi da non più di tre settimane consecutive". Per fortuna la moglie ha un lavoro, ma arrivare a fine mese con una bimba di 8 anni è dura. "Ci sono mesi in cui non porto a casa niente". E' vero che la posizione alla quale i 250 giovani si sono candidati era pur sempre part time e con contratto a sette mesi, ma almeno per un tempo superiore a venti giorni avrebbe garantito una qualche stabilità. 

Il caso degli operatori Ama, dopo una serie di tentativi vani da parte del gruppo di attirare l'attenzione delle parti politiche, è finito in Campidoglio. I consiglieri 'a cinque stelle' hanno presentato prima di Natale una mozione con oggetto "la situazione dei 250 lavoratori dell'agenzia Manpower". 

L'assemblea capitolina ha impegnato "il sindaco e la giunta a completare l'iter di assunzione per il quale i lavoratori erano stati selezionati". Si tratta di un impegno politico che, seppur accolto da tutti i gruppi capitolini, non rappresenta una soluzione reale. Ma forse è un primo passo, un campanello d'allarme a cui rispondere, si spera, nel 2014. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Disoccupato, 39 anni, ho una figlia di 8 e da 2 aspetto assunzione in Ama"
RomaToday è in caricamento