Ubriaco travolse Stella Manzi: il Gip rigetta la richiesta di patteggiamento

Il legale della famiglia: "La nostra richiesta è stata accolta, il calcolo del patteggiamento a quattro anni era sbagliato, e gli errori sono stati riconosciuti anche dalla Procura"

Stella Manzi

Il patteggiamento è stato rigettato. Buone notizie dal Tribunale di Latina per la famiglia di Stella Manzi, la piccola di 8 anni, travolta da un pirata della strada sulla Nettunense il 26 dicembre scorso. La bimba era a bordo dell'auto della madre insieme ai tre fratelli ed è morta in ospedale dopo il tragico frontale.  

Il Gip che stamattina doveva pronunciarsi sul patteggiamento a 4 anni per l'imputato, richiesto dalla difesa e accordato dal Pm, ha annullato tutto: se ne riparla il 20 novembre, data della prossima udienza. A quanto emerso la richiesta è stata rimandata al mittente per vizi procedurali della stessa, nel documento mancavano alcuni elementi emersi durante le indagini preliminari e il calcolo della pena è risultato errato. 

Un buon risultato per la famiglia, che da giorni sta urlando sul web tutta la sua indignazione per una pena giudicata "ingiusta e non proporzionale al delitto commesso". Se infatti per legge rientriamo nel perimetro dell'omicidio colposo, per i genitori di Stella il loro caso sarebbe da omicidio stradale (reato ancora non previsto dal nostro ordinamento), perché il 21enne romeno al volante quella notte era ubriaco, sotto effetto di sostanze stupefacenti, guidava un'auto non sua e senza tagliando assicurativo. "Condizioni che pongono il fatto al limite dell'omicidio volontario" ha dichiarato il legale dei Manzi, Fabio Santaniello, che commenta a Romatoday l'odierna decisione del Gip. 

"La nostra richiesta è stata accolta, il calcolo del patteggiamento a quattro anni era sbagliato, e gli errori sono stati riconosciuti anche dalla Procura". C'è speranza che si possa procedere con rito ordinario? "Ad oggi è tutto ancora aperto". E intanto prosegue il tam tam sul web. 

In poche ore, con una petizione on line lanciata su Change.org, sono state raccolte più di 10mila firme. La famiglia chiede un intervento del governo nazionale per bloccare il patteggiamento e, al ministro delle Infrastrutture, Maurizio Lupi, l'introduzione del reato di omicidio stradale. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torvaianica, sparatoria tra i bagnanti sulla spiaggia: ferito un uomo

  • Colonna di fumo invade il Raccordo Anulare, chiuso in entrambe le direzioni

  • Referendum, come si vota? Cosa succede se vince il sì, cosa succede se vince il no

  • Sciopero 25 settembre: a Roma metro e bus a rischio per 24 ore

  • Sciopero Roma: oggi metro, bus e tram a rischio per 24 ore. Gli orari

  • Coronavirus, a Roma 141 casi: è il dato più alto da inizio pandemia. Nel Lazio 238 contagi. Il bollettino del 22 settembre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento