Sara Di Pietrantonio, fu omicidio premeditato: Vincenzo Paduano rischia l'ergastolo

Chiuse le indagini. Omicidio volontario premediato, stalking, incendio e distruzione di cavadere sono le accuse di cui dovrà rispondere al processo

Vincenzo Paduano, il 27enne reo confesso dell'omicidio di Sara Di Pietrantonio, potrebbe trascorrere il resto della sua vita in carcere. Sono infatti pesanti gli addebiti a suo carico al termine delle indagini condotte dal procuratore aggiunto Maria Monteleone: omicidio volontario premeditato, stalking, incendio e distruzione di cadavere le accuse che lo attendono nel processo che lo vedrà come unico imputato. 

Paduano di fatto è reo confesso. E' stato arrestato il 29 maggio, dopo indagini lampo a seguito del ritrovamento del cadavere della giovanissima Sara. Il provvedimento anticipa la richiesta di rinvio a giudizio, ed è stato firmato dal procuratore aggiunto Maria Monteleone e dal sostituto Maria Gabriella Fazi. Paduano rischia la pena dell'ergastolo. 

Il delitto è avvenuto nel cuore della notte del 28 maggio. Paduano, accecato dalla rabbia per la fine della storia,  ha lasciato il posto di servizio ed è andato sotto casa del ragazzo che Sara da poco frequentava. Ha aspettato che la giovane riportasse a casa il ragazzo, e quando si è allontanata in auto, l'ha seguita.

Ad un certo punto l'ha affiancata, speronandola e costringendola a fermarsi. Scesi dall'auto hanno discusso, come affermato anche da alcuni testimoni. Quindi, secondo la ricostruzione, lui l'ha strangolata e le ha fato fuoco. Alle 5 del mattino, dopo una segnalazione per l'auto in fiamme, sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco che hanno trovato a duecento metri dai resti del veicolo il corpo semicarbonizzato di Sara. 

Dopo serrate indagini e dopo aver raccolto le testimonianze di amici e parenti si è arrivati al fermo di Paduano che ha quindi confessato l'atroce delitto. Il fatto fece notizia perché, secondo quanto spiegato dalla polizia, Sara poteva essere salvata se i passanti si fossero fermati, invece di tirare dritto. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camorra, "a Roma comanda tutto lui": il cartello della droga di Michele Senese. Ecco come aveva diviso la Capitale

  • Incidente sulla Pontina: l'auto ha un'avaria, lui scende e viene investito da un tir. Morto 43enne

  • La montagna vicino Roma: 5 escursioni a due passi dalla Città eterna

  • Choc nel parcheggio del supermercato: cliente non lascia il carrello al mendicante e finisce ferito in una pozza di sangue

  • Saldi, a Roma e nel Lazio si parte un mese prima: lo shopping natalizio sarà all'insegna degli sconti

  • La voglia di festa sfida il Covid: in 34 assembrati in 70 metri quadri, la vicina chiama i carabinieri

Torna su
RomaToday è in caricamento