Venerdì, 25 Giugno 2021
Cronaca

Omicidio Pasolini, Pelosi: "Fu un agguato, confessai per paura"

Pino Pelosi racconta a Panomara.it che Pasolini fu ucciso in un agguato la notte del primo novembre 1975 e che un "uomo con la barba" gli raccomandò di non parlare. All'epoca 17enne, Pelosi confessò per paura

Pier Paolo Pasolini è morto in una trappola e il giovane Pino Pelosi confessò di essere l'autore del delitto per paura. "A me chiesero di confessare... avevo 17 anni e aveva paura". Lo dichiara a Panorama.it lo stesso Pelosi, condannato a nove anni di reclusione per l'omicidio di PPP il primo novembre 1975 all'Idroscalo di Ostia. Pelosi, detto "la Rana", racconta che lo scrittore e regista friulano fu aggredito da un gruppo di persone e che un "uomo con la barba" lo avrebbe minacciato dopo il delitto intimandogli di dimenticarsi tutto.

Le dichiarazioni di Pelosi arrivano a pochi giorni dalla notizia secondo la quale i carabinieri nel Ris avrebbero isolato il dna di una terza persona presente sul luogo del delitto, che non corrisponde né a quello di Pelosi né a quello di Pasolini. Il reperto è stato ritrovato su una tavoletta utilizzata per colpire Pasolini. Tempo fa Pelosi tirò in ballo tre persone, precisando di non conoscerne l'identità e negando di essere lui l'assassino ma l'inchiesta che fu aperta sulla base di quelle affermazioni fu archiviata nel 2005 per mancanza di riscontri. (Fonte Ansa)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio Pasolini, Pelosi: "Fu un agguato, confessai per paura"

RomaToday è in caricamento