rotate-mobile
Cronaca Fiumicino

Muore soffocata in casa: ipotesi omicidio. La figlia portata in caserma

A dare l'allarme è stata una parente. La corsa all'Aurelia Hospital non è bastata. Sul posto i carabinieri che adesso indagano

Una donna di 66 anni morta e l'ipotesi di un omicidio. Giallo a Palidoro frazione del comune di Fiumicino, alle porte di Roma. La vittima, dopo essere svenuta in casa, è stata portata in ospedale all'Aurelia Hospital dove, poco dopo, è morta. La figlia della donna, una 39enne, è stata portata in caserma dopo il presunto delitto che sarebbe avvenuto a causa di un soffocamento.

È la drammatica ricostruzione di quanto avvenuto nel pomeriggio di giovedì 9 maggio a Roma. Sul caso indagano i carabinieri che hanno ascoltato proprio la figlia, e anche parenti e amici delle due. Al momento chi indaga procede a bocche cucite. A dare l'allarme è stata una parente che era nell'appartamento di via Bonorva, a Palidoro.

L'allarme al 112

"Aiuto, c'è una donna a terra. Correte". Questa la chiamata fatta alle 12:15 circa al numero unico per le emergenze. L'ambulanza e l'automedica, alle 12:23, sono arrivate sul posto rianimando la 66enne per poi portarla all'Aurelia Hospital dove è giunta alle 13:30 e dove è poi deceduta. Sul suo collo sarebbero stati trovati segni che potrebbero far pensare al soffocamento.

L'ipotesi dell'omicidio

Nella serata di ieri la svolta, con la figlia di 39 anni è stata portata in caserma dove è stata ascoltata. Prassi ripetuta anche oggi. La sua posizione è al vaglio. L'appartamento della donna è stato sequestrato. La salma della 66enne è stata portata presso l'obitorio del Verano in attesa dell'esame autoptico che determinerà le esatte cause del decesso.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Muore soffocata in casa: ipotesi omicidio. La figlia portata in caserma

RomaToday è in caricamento