rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Cronaca

Oksana uccisa con quaranta coltellate. Leonelli aveva pronti i bustoni: voleva farla a pezzi

L'esito dell'autopsia conferma il quadro di un delitto efferato. Emerge un nuovo particolare: Leonelli avrebbe avuto pronti i bustoni per mettere all'interno i pezzi della povera colf ucraina

Un accanimento atroce e probabilmente l'intezione di fare a pezzi il cadavere. L'esito dell'autopsia sul corpo di Oksana Martseniuk, la 38enne colf ucraina uccisa e decapitata all'Eur domenica scorsa, conferma l'efferatezza del delitto di via Birmania. Sono 40 le coltellate inferte alla colf ucraina. Un quadro lesivo che viene definito "impressionante".

I colpi sono stati inferti a pochi secondi di distanza l'una dall'altra. Alcune si sono sovrapposte. Durante l'autopsia sono stati effettuai i prelievi per gli esami tossicologici e per verificare se fosse stata oggetto di violenza sessuale.

Un altro particolare rende ancora più inquietante il delitto. Leonelli aveva pronti i bustoni e voleva molto probabilmente farla a pezzi.

L'autopsia ha fugato poi tutti i dubbi sul fatto che Oksana Martseniuk possa essere stata violentata. Sul suo corpo infatti non risultano segni di violenze sessuali.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Oksana uccisa con quaranta coltellate. Leonelli aveva pronti i bustoni: voleva farla a pezzi

RomaToday è in caricamento