Cronaca Montespaccato / Via Guido di Montpellier

Omicidio Montespaccato: elementi insufficienti, rilasciato il 24enne

Il pm non ha convalidato il fermo del 24enne indagato per l'omicidio di Marco Zioni freddato forse a causa di una lite familiare. Il giovane è stato rilasciato per insufficienza degli elementi raccolti

E' di nuovo libero il 24enne fermato ieri per l'omicidio di Marco Zioni per insufficienza di elementi raccolti, come deciso dal Pm. La vittima, 37enne romano ucciso il 21 febbraio in via Montpellier, nel quartiere di Montespaccato, è stato freddato con un colpo di pistola al torace che gli ha provocato la morte poco dopo il trasporto in ospedale.  L'episodio sarebbe maturato durante una lite tra famiglie per l'affidamento di un bimbo di 10 mesi, una vera e propria spedizione con i due gruppi che si fronteggiavano per strada. Sarebbe stata proprio la paura di un agguato da parte della famiglia della madre del bimbo a far premere il grilletto a due tra i parenti e gli amici di quello che era ormai l'ex fidanzato, tuttora ricercato dai carabinieri.

Il 24enne, che nonostante non sia stato convalidato il fermo, resta comunque indagato, è un lontano parente, probabilmente un cugino del papà del piccolo conteso. Poche le notizie che trapelano da ambienti investigativi, anche se per il momento una cosa è certa: i ricercati sono ancora quattro, tutti amici e parenti del giovane padre del bimbo, anche lui nella lista dei militari.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio Montespaccato: elementi insufficienti, rilasciato il 24enne

RomaToday è in caricamento