Omicidio a Fonte Ostiense: uccide uomo a sprangate e lo getta nel fossato

Il rinvenimento del corpo privo di vita di Neculau Rosu avvenne domenica 12 maggio in via dei Casali di San Sisto

Il corpo privo di vita del 50enne venne trovato il 12 maggio in via dei Casali di San Sisto

Ucciso a sprangate e gettato nel fossato. Svolta investigativa sulla morte Neculau Rosu, uomo romeno di 50 anni, il cui cadavere venne recuperato la scorsa domenica in zona Fonte Ostiense. Ad ucciderlo un suo connazionale, con l'aiuto del fratello. Nei confronti dell'uomo, un 37enne, è stato emesso un decreto di fermo di indiziato di delitto.  

I fatto hanno preso corpo nel pomeriggio del 12 maggio scorso, quando gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato di  Esposizione sono intervenuti in un terreno agricolo presso via dei Casali di San Sisto, a seguito di una segnalazione della presenza, in un corso d’acqua, del cadavere di un uomo coperto da detriti, di cui era possibile notare solamente una gamba.

Dal sopralluogo effettuato dai poliziotti non sono emersi, nell’immediatezza, elementi tali da far sospettare che il decesso potesse essere riconducibile ad un’azione violenta.

L’autopsia effettuata dal medico legale il giorno successivo ha evidenziato, invece, che la vittima presentava alcune lesioni al cranio ed al corpo non compatibili con una caduta accidentale.

La Squadra Mobile, interessata al riguardo, ha immediatamente intrapreso un’intensa attività d’indagine che ha consentito, in brevissimo tempo, di identificare la vittima in Neculau Rosu, cittadino romeno di 50 anni, nonché di stabilire che nel pomeriggio di sabato 11 maggio scorso l’uomo aveva avuto una lite, scaturita per futili motivi, con un altro clochard, successivamente individuato in un uomo di 37 anni, anch’egli cittadino rumeno e senza fissa dimora.

Rintracciato nel pomeriggio di marted' 14 maggio, lo stesso ha ammesso agli investigatori della Squadra Mobile le proprie responsabilità in ordine al reato in argomento, specificando di averlo colpito ripetutamente con un tondino in ferro e di aver poi gettato il cadavere in un corso d’acqua prospicente alla baracca dove vive, con l’aiuto del fratello. 

Alla luce di quanto sopra il 37enne è stato sottoposto ad interrogatorio dal Pubblico Ministero procedente, all’esito del quale la locale Procura della Repubblica presso il Tribunale ha emesso un decreto di fermo di indiziato di delitto immediatamente eseguito nei suoi confronti. 

Il fratello, sottoposto anch’egli ad interrogatorio, al termine delle attività è stato indagato in stato di libertà per concorso in occultamento di cadavere.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sul Raccordo Anulare, scontro tra auto e moto: morti due giovani di 27 e 20 anni

  • Ikea, apre un nuovo punto nella Capitale

  • Sciopero Cotral: venerdì 20 settembre a rischio il servizio extraurbano della Regione Lazio

  • Tragico epilogo a Ponte di Nona: trovato il cadavere di Amina De Amicis, l'89enne scomparsa 6 giorni fa

  • In ritardo di due ore al primo giorno di scuola, le lacrime dei bambini sgomberati da Cardinal Capranica

  • Lavori al Colosseo: sabato 21 e domenica 22 settembre chiuse 13 stazioni della metro B

Torna su
RomaToday è in caricamento