Mercoledì, 17 Luglio 2024
Cronaca

"Lo Stato ha ucciso un ragazzo". Storia di un omicidio che si poteva evitare

Le vicende di Federico Brunetti e Marcos Schinco si sono incrociate nei pochi metri quadri di una cella. Il primo ha ucciso il secondo: una tragedia annunciata che poteva essere evitata

"Lo Stato è colpevole". "Questa tragedia si poteva evitare". Sembrano parole già sentite, a volte dette anche a sproposito. Non questa volta però. Almeno a sentire gli umori, i sentimenti e le voci di Marco Brunetti, papà di Federico e Davì Schinco, fratello di Marcos. Il loro destino - tragico - si è incrociato nel pomeriggio di lunedì 19 giugno nella casa circondariale di Velletri quando è stato commesso un omicidio, consumato dietro le sbarre fredde del carcere. 

Il contenuto è riservato agli abbonati.

Caricamento in corso: attendi un istante...

Si è verificato un errore: prova ad aggiornare il tuo browser.

Il tuo abbonamento è in corso di attivazione: attendi qualche istante.
Prova ad aggiornare questa pagina | Gestisci il tuo abbonamento
A causa di un problema non è stato possibile ottenere gli abbonamenti disponibili: riprova più tardi.
Gestisci il tuo abbonamento
Non ci sono abbonamenti disponibili al momento: riprova più tardi.
Gestisci il tuo abbonamento
Sullo stesso argomento

Potrebbe interessarti

RomaToday è in caricamento