rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
Cronaca Frascati / via Tenuta di San Matteo

Omicidio Vermicino, giallo quasi risolto: estradati colpevoli fuggiti in Romania

Tre cittadini romeni complici nel delitto dell'anziana signora di Vermicino. Due erano fuggiti in Romania, dove sono stati arrestati. Uno è già stato estradato in Italia, il secondo lo sarà a breve. Ancora a piede libero il terzo indagato

E' stata trovata morta nella sua camera da letto, una profonda ferita alla testa, la casa devastata. Ad ucciderla, i suoi rapinatori, poco più di un anno fa, il 27 aprile 2012, a Vermicino. Penetrati nell'appartamento, i ladri avevano colpito l'anziana signora di 81 anni con una spranga di ferro, per poi abbandonarla agonizzante chiusa a chiave nella sua stanza. A pochi giorni dall'assassinio di Liliana Tardola, i Carabinieri avevano arrestato il presunto omicida, un cittadino romeno di 27 anni, ad oggi ancora indagato ma a piede libero. Nel frattempo gli investigatori sono riusciti a rintracciare altri due romeni coinvolti nel delitto e rifugiatisi in Romania per sottrarsi alla giustizia. Uno dei criminali è già stato estradato in Italia e portato nel carcere di Rebibbia; i militari attendono l'estradizione del complice.

VERSO L'EPILOGO - Un giallo quasi risolto, quello dell'omicidio dell'anziana signora di Vermicino. Gli inquirenti sono stati certi sin da subito che il delitto fosse stato compiuto almeno a quattro mani. Al momento le indagini avrebbero permesso di individuare ben tre complici, tutti di origine romena.

INDAGINI INCROCIATE ITALIA-ROMANIA - Le indagini incrociate dei Carabinieri della Compagnia di Frascati e della polizia romena hanno permesso di individuare due responsabili. I riscontri biologici e il ritrovamento di parte della refurtiva incriminata hanno confermato la loro colpevolezza, facendo scattare per entrambi l'arresto in esecuzione di un mandato europeo emesso dalla Procura di Roma.

IL PRIMO ESTRADATO - Ieri sera, l'arrivo all'aeroporto internazionale di Fiumicino, di uno dei tre responsabili del delitto nel villino di via Tenuta di San Matteo. L'uomo, 54 anni, si sarebbe dato alla fuga appena dopo l'omicidio, cercando rifugio nel proprio paese d'origine insieme al complice. Ad accogliere il primo estradato, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Frascati, che gli hanno notificato il provvedimento di custodia cautelare in carcere con le accuse di omicidio volontario aggravato in concorso, rapina aggravata in concorso e violazione di domicilio aggravata in concorso. L'uomo si trova presso il carcere di Rebibbia a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

IN ARRIVO IL COMPLICE - I militari restano in attesa che venga estradato anche il suo complice, che verrà trasferito in Italia al termine delle proprie pendenze giudiziarie in Romania.

ANCORA INDAGATO IL PRESUNTO ASSASSINO ARRESTATO A POCHI GIORNI DAL DELITTO - Il terzo uomo, arrestato il 30 maggio 2012, risulta al momento a piede libero. Ma su di lui le indagini sono tutt'ora in corso, in attesa di accertare il suo coinvolgimento nell'omicidio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio Vermicino, giallo quasi risolto: estradati colpevoli fuggiti in Romania

RomaToday è in caricamento