Cronaca Centro Storico / Via del Pantheon

Occupy Pantheon: precari e studenti accampati in piazza contro la crisi

Si sono ritrovati davanti al Pantheon a protestare contro la disuguaglianza economica, tutti sotto un'unica sigla "Occupy Pantheon" e al grido di "Esodiamo la Fornero"

Tra studenti, precari e attivisti hanno montato delle tende davanti al Pantheon tra lo stupore dei turisti. E dal monumento di piazza della Rotonda promettono 'voci e video contro la crisi'. Una sorta di maratona con gli Assalti frontali, le Bestie rare, i JunglaBeat. Ma anche interventi degli attivisti per l'acqua pubblica che rivendicano il risultato del voto referendario del giugno scorso e collegamenti con il Teatro Valle.

Tra gli striscioni esposti 'Eurozona: la Grecia non si elimina', 'No Bce, no austerita', occupiamo tutta la citta". Scandendo slogan come 'Esodiamo la Fornero i manifestanti hanno distribuito adesivi col volto di Angela Merkel e la scritta 'No rigoré e altri col volto del premier Monti. "Siamo europeisti - assicurano - ma vogliamo un'altra Europa. Vogliamo rimanere a dormire qui per essere pronti poi domani a incontrare gli operai della Fiom. Stiamo spiegando tutto questo ai passanti, anche in inglese, perché siamo certi che un'altra Italia è possibile".

Tra loro c'è anche Marina, 26 anni, che sta per laurearsi in Filosofia: "Il mio sogno è fare ricerca, ma è impossibile quando tutto mira a distruggere l'università pubblica". Per lei è difficile anche terminare la tesi: "Spesso le biblioteche dove devo fare le ricerche sono chiuse perché non ci sono più borsisti. Non è più garantito l'accesso universale all'istruzione, le tasse sono altissime e i servizi inesistenti. Se l'Italia continuerà a chiudere tutte le porte ai giovani, l'unica via di uscita sarà andare all'estero. Ma io non voglio, vorrei restare qui, dove ho i miei affetti, vorrei andare all'estero non perché costretta." (Fonte Ansa)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Occupy Pantheon: precari e studenti accampati in piazza contro la crisi

RomaToday è in caricamento