rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Cronaca

Cambio al vertice di Ater: Massimo Bellia nuovo Direttore Generale pro tempore

Massimo Bellia è il nuovo Direttore Generale di Ater e sostituirà Stefania Graziosi, sarà in carica pro tempore

L'architetto Massimo Bellia è il nuovo Direttore Generale dell'Ater. Bellia prende il posto di Stefania Graziosi e resterà in carica pro-tempore fino alla nomina del nuovo Direttore Generale attraverso una selezione pubblica, il cambio al vertice è avvenuto per il mancato rinnovo del contratto all'ormai ex Direttore Graziosi.

"Cogliamo l'occasione per rivolgere un doveroso ringraziamento a Stefania Graziosi per l'impegno profuso nel proprio lavoro - dichiarano i consiglieri Altorio e Zuppello - ma soprattutto per fare un primo bilancio dei due anni di Commissariamento dell'Azienda e dei primi sei mesi di lavoro del nuovo Cda."
 
Attualmente l'Ater non è nelle migliori condizioni infatti verte in una situazione debitoria alquanto complessa: "A oggi l'Ater Roma ha comunicato agli inquilini che non può eseguire interventi di manutenzione per mancanza di fondi, nonostante l'ex Presidente Petrucci e il suo Cda avessero estinto un mutuo di circa 180 milioni di Euro, che praticamente ipotecava la maggioranza delle case popolari, portando ad una conseguente entrata nelle casse dell'Azienda di circa 30 milioni annui. - cercano di spiegare i due consiglieri - E' vero che la situazione finanziaria dell'Ater, per il vecchio debito dell'Ici e per la scellerata decisione attuale di imporre il pagamento dell'Imu anche per le case popolari, non è certo florida, ma la scelta operata di coprire le mancate erogazioni della Regione Lazio per pagare le Ditte che hanno svolto lavori di manutenzione straordinaria con i fondi dell'Azienda ha peggiorato la situazione e impedito di fatto in questi due anni di svolgere molti dei lavori di manutenzione di cui avrebbero sicuramente bisogno le case degli inquilini Ater. Inoltre ci sembra che anche dal lato amministrativo non ci siano stati progressi".
 
"Per il prossimo futuro - concludono Altorio e Zuppello - ci auguriamo che la Regione Lazio finalmente eroghi i fondi dovuti (34 milioni di Euro), che il Comune di Roma scelga di prevedere un'aliquota Imu inferiore a quella annunciata e che al bando pubblico per la nomina del Direttore Generale possano partecipare persone capaci e competenti e che i consiglieri di amministrazione la finiscano di fare una guerra interna che sta bloccando di fatto l'Azienda al fine di lavorare insieme per il raggiungimento dell'interesse pubblico e del fine sociale dell'Ater di Roma".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cambio al vertice di Ater: Massimo Bellia nuovo Direttore Generale pro tempore

RomaToday è in caricamento