Cronaca Malagrotta

La nuova discarica a Monti dell'Ortaccio, manca solo l'ufficialità

Giallo di Ferragosto. La scelta di Monti dell'Ortaccio per la discarica alternativa a Malagrotta sembra presa. Contento Cerroni, furiosi i residenti

A marzo scorso i residenti di Valle Galeria erano scesi in strada, insieme ai presidenti del Municipio XV e XVI per protestare contro l'ipotesi di una nuova discarica a Monti dell'Ortaccio.

Era bastato solo il vento di quell'ipotesi a scatenare le ire di chi da decenni vive accanto alla maxi discarica di Malagrotta. In quei giorni frenetici per il post Malagrotta, si arrivò a quella che sembrava una piccola certezza: la nuova discarica non sarebbe stata realizzata in un sito così provato.
Oggi però spira un altrovento che porta a nuove altre considerazioni, ipotesi e, per alcuni, addirittura all'ufficialità: il sito alternativo a Malagrotta sarà Monti dell'Ortaccio.

Ad esserne convinto sarebbe proprio il commissario straordinario per l’emergenza rifiuti, Goffredo Sottile, e anche l’avvocato Manlio Cerroni è d’accordo, sebbene affermi di non aver avuto alcuna notizia dal prefetto.

Ma re Manlio già da tempo guarda verso Monti dell'Ortaccio. Già nel 2010 durante una conferenza sui rifiuti organizzata da Federlazio, dichiarava: " La discarica di Monti dell'Ortaccio è pronta. E' un territorio di 300 ettari che sono nostri. Già qualche anno fa abbiamo cominciato a realizzare una vasca di 500 metri cubi per il cdr. Non ci sarebbero problemi."

Così i timori dei residenti che sul blog del comitato di Valle Galeria scrivevano: “Avete anche voi la sensazione che stiano aspettando che sia Ferragosto, quando tutti gli italiani sono in vacanza, in modo che, quando annunceranno il vincitore di questo triste concorso, non ci sarà nessuno a Roma che possa prenderli a calci nel .... ???” sembrano essere confermati.

I timori dei residenti, a ben vedere, risultano fondati: già da febbraio scorso a Monti dell'Ortaccio si denunciano lavori di sbancamento della zona e il proprietario dell'area, proprio il presidente di Colari Cerroni, l'ha già preparata da tempo per ospitare il post della sua Malagrotta che a dicembre, secondo l'ultima ennesima proroga concessa, dovrebbe chiudere.

Le considerazioni ambientali fatte sulla zona sembrano non fermare le intenzioni che puntano nuovamente sulla Valle Galeria, dove i residenti denunciano già da tempo malattie respiratorie e cardiovascolari, tumori ed acqua inutilizzabile. L'alto rischio ecologico in cui versa la zona è anche sotto la lente della Procura che ha aperto un'indagine sulle “morti sospette” nella zona.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La nuova discarica a Monti dell'Ortaccio, manca solo l'ufficialità

RomaToday è in caricamento