Neve a Roma, appello del Baobab: "Migranti al gelo bloccati nelle tende"

"Abbiamo urgente bisogno di legna da ardere, guanti e cappelli di lana"

Foto dalla pagina Facebook Baobab Experience

Tende sommerse dalla neve, temperature da montagna, e un appello a chiunque voglia dare una mano. La bufera che ha colpito la Città eterna non ha risparmiato i migranti che alloggiano, da mesi, in piazzale Maslax, sul lato est della stazione Tiburtina. In queste ore la richiesta di aiuti, via social network, dei volontari di Baobab Experience, perché se anche la neve mentre scriviamo si sta sciogliendo al sole, il meteo prevede un drastico calo delle temperature sotto lo zero per le prossime ore.  

"La nevicata probabilmente è finita, ma i prossimi tre giorni saranno durissimi, e solo alcune persone hanno trovato un ricovero notturno provvisorio" scrivono i volontari sulla pagina Facebook. "Dobbiamo acquistare urgentemente materiale per tenere al caldo chi non ha trovato posto e ripristinare quello che il maltempo ha reso inservibile.

Vi preghiamo di condividere per quanto possibile questo post ed i riferimenti alla nostra campagna "Yes we camp" come indicati sul sito www. baobabexperience.org/yeswecamp con le informazioni utili per darci supporto.
Al momento c'è urgente bisogno di:
- guanti e cappelli di lana
- calzini di lana 
- pallet
- pallet di plastica (da mettere sotto le tende come isolanti)
- legna da ardere, tanta quanto freddo fa.
- cibi e bevande caldi
- persone disposte a cucinare e/o automunite per recuperare i pasti per portarli al presidio (vedi pagina PASTI Baobab Experience)

Noi teniamo duro, anche grazie a voi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sul fronte dell'accoglienza ai clochard e a chi si trova costretto in strada, il Campidoglio ha fatto sapere durante una conferenza stampa: "In 48 ore abbiamo trovato 400 posti letto in più e 137 persone questa notte hanno dormito lì. Questi numeri non comprendono le persone che vanno nei rifugi tipo stazioni della metropolitana. Da questa notte hanno lavorato oltre 30 persone dell'unità sociale notturna h24 e 150 persone in strada". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Coronavirus, a Roma 342 nuovi casi. L'allarme di D'Amato: "Siamo a livello arancione". I dati Asl del 16 ottobre

  • Coronavirus, a Roma 462 casi: sono 939 in totale nella regione. C'è un nuovo focolaio nel Lazio

  • Sciopero generale il 23 ottobre: a Roma metro e bus a rischio. Orari e fasce di garanzia

  • A Roma la stretta anti Covid, Raggi chiede più controlli: nel week end task in campo tra movida e periferie

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento