Neonata morta in via Candoni: indagati i genitori

I carabinieri, dopo una prima indagine, hanno denunciato in stato di libertà i genitori della piccola bambina di 5 mesi morta nella mattinata del 28 novembre

Sono stati denunciati e iscritti nel registro degli indagati con l'accusa di maltrattamenti in famiglia i genitori della bambina di 5 mesi morta nella mattinata di giovedì 28 novembre a Roma, nella baraccopoli di via Candoni. La coppia, lui nato in Serbia di 30 anni e lei nata a Berlino di 24 anni, aveva allertato i soccorsi poco dopo le 6 del mattino. 

Sul posto il personale medico del 118 che ha tentato di rianimare la bimba nella baraccopoli, ma le manovre sono state vane: la neonata di 5 mesi è stata dichiarata morta intorno alle 6:55.

Ad occuparsi delle indagini, fin dai primi momenti successivi alla tragedia, i carabinieri del Nucleo Radiomobile, quelli della compagnia dell'Eur e gli uomini della VII Sezione rilievi di via In Selci chiamati in via Candoni proprio dal personale del 118.  

Secondo i primi riscontri investigativi, non si esclude che la morte della bimba possa essere legata a problemi di malnutrizione, ipotesi che rientrerebbe nella fattispecie del reato di maltrattamenti in famiglia e che ha portato la Procura di Roma ad aprire un fascicolo e procedere per "morte come conseguenza di altro reato".

Saranno tuttavia le indagini dell'Arma e l'esame autoptico a chiarire le esatte cause della morte. Il corpo della piccola è stato trasportato in ospedale a disposizione dell'Autorità Giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve a Roma in settimana? Cosa dicono le previsioni meteo

  • Roma e Lazio in zona arancione: l'annuncio dell'assessore D'Amato

  • Zona arancione, cosa si può fare e cosa no a Roma e nel Lazio dal 17 gennaio

  • Coronavirus, Roma e il Lazio verso la zona arancione: indice Rt e ricoveri oltre la soglia. Cosa cambia

  • Sabato zona gialla a Roma e nel Lazio: il 16 gennaio giornata limbo prima della stretta

  • Coronavirus, a Roma e nel Lazio la situazione sta peggiorando: "Si è perso il controllo dei contagi, vi spiego perché"

Torna su
RomaToday è in caricamento