Cronaca

Ncc, mazzette per avere le licenze: tre arresti

A Gorga sono finiti in manette un vigile urbano e due autisti titolari di licenze NCC del comune a Sud di Roma che però operavano illecitamente nella Capitale

I carabinieri hanno arrestato a Gorga un vigile urbano e due autisti titolari di licenze NCC. I due autisti, un 55enne e un 45enne residenti a Roma, erano titolari delle licenze concesse dal comune di Gorga (700 abitanti a sud di Roma) e il vigile urbano, un 55enne in servizio nello stesso Comune, era responsabile delle richieste per la concessione delle licenze e unico rappresentante del comune di Gorga. I militari, che sette mesi fa circa avevano concluso le indagini, durante le quali i tre soggetti erano stati indagati per falsità ideologica e abuso d’ufficio in concorso, hanno proseguito con le attività rintracciando le prove di pagamenti effettuati a favore del vigile da parte dei titolari delle licenze o da persone a loro riconducibili. I due NCC versavano una “mazzetta” da 50 euro al mese al vigile urbano, che poi provvedeva a curare personalmente l'evoluzione delle procedure per la concessione delle licenze.

Al 55enne era stato concesso, in modo fittizio, un garage di sua proprietà come autorimessa per le autovetture da utilizzato per il servizio NCC, elemento indispensabile per ottenere la concessione delle autorizzazione, ma in realtà le auto veniva utilizzate esclusivamente nella Capitale e non sono mai state parcheggiate nella rimessa. Alla luce di questi elementi, l’ipotesi di reato di abuso d’ufficio maturata all’inizio delle indagini si è trasformata in quella più grave di corruzione, insieme alla falsità ideologica commessa dal vigile. Per le tre persone coinvolte, le autorità hanno accertato chiare esigenze cautelari in relazione al concerto e grave pericolo di reiterazione dei reati commessi e quindi è stato emesso a loro carico un ordine di custodia cautelare da scontare agli arresti domiciliari, dove rimarranno in attesa di essere ascoltati dall'autorità giudiziaria.

Questa operazione si inquadra in un'indagine più ampia portata avanti dai carabinieri da luglio scorso, che ha già portato alla denuncia a piede libero di circa un centinaio di NCC abusivi nel territorio della provincia a sud di Roma. A giugno scorso erano finiti in manette un funzionario del comune di Labico e due titolari di licenza NCC accusati di corruzione e falsità ideologica. Sono ancora in corso numerosi accertamenti dei militari su diverse concessioni di licenze NCC tuttora al vaglio della magistratura di Velletri e Tivoli.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ncc, mazzette per avere le licenze: tre arresti

RomaToday è in caricamento