Martedì, 21 Settembre 2021
Cronaca

Multe a portata di smartphone, i vigili urbani abbandonano il cartaceo

Raddoppiati gli Street Control, gli agenti della Polizia Locale saranno dotati dei cosiddetti 'Taccuini Digitali'

I nuovi taccuini digiltali a disposizione degli agenti della Polizia Locale di Roma Capitale

Potenziamento della repressione, risparmio e ottimizzazione delle risorse: continua così l'opera di evoluzione tecnologica voluta dal Comando Generale della Polizia Locale di Roma Capitale di Via della Consolazione, iniziata da tempo con gli "Street Control", il portale "IoSegnalo" e i posti di controllo intelligenti. Adesso il raddoppio degli Street Control

Da oggi, chi è abituato a sostare in doppia fila dovrà fare i conti con il previsto potenziamento delle capacità sanzionatorie dei Vigili ossia l'aumento, o meglio il raddoppio, degli "Street Control" in circolazione, che diventeranno 20 in totale. L'attivazione dei "taccuini digitali". Questa evoluzione passa però da un altro strumento che gli agenti di Roma Capitale stanno già utilizzando: gli smartphone conosciuti anche con il nome di "taccuini digitali", con 200 esemplari in forza a tutti i gruppi della città.

Già adeguatamente sperimentato da mesi, questo strumento ha le stesse funzioni dello "Street Control", e permette sia al Vigile in pattuglia che a quello appiedato una maggiore efficienza operativa: sarà possibile accertare, a parità di tempo, molte più soste vietate (in doppia fila, davanti i cassonetti, sulle fermate dei bus, eccetera), permettendo inoltre la verifica in tempo reale delle revisioni e delle coperture assicurative dei veicoli.

Lo strumento, di fatto uno piccolo smartphone dotato di gps e telecamera, utilizza un applicativo multifunzione in grado di riconoscere la targa del veicolo, annotare la sua posizione geografica, lo stato di revisione e l'assicurazione (tutto in tempo reale). L'agente è in grado, con pochi tocchi sul touch screen, di redigere il verbale e inviarlo al sistema elettronico centrale. Risultato? Notevole risparmio di tempi e di personale impiegato per il processo, senza contare il risparmio di carta e le spese di produzione, stampa, trasporto e gestione dei blocchetti.

La distribuzione degli apparati, effettuata in tutti i gruppi territoriali, è stata decisa in funzione delle criticità territoriali e dalle risultanze dei dati raccolti dal sistema "IoSegnalo".  In particolare, le assegnazioni sono state effettuate presso i gruppi: Trevi, Prati, Tuscolano, Nomentano, Cassia, Appio, Parioli, Tiburtino, Prenestino, Mare, Eur, Marconi, Monte Mario, Monteverde, Tintoretto, Aurelio, Sapienza, Casilino, Torri GPIT e Comando Generale. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Multe a portata di smartphone, i vigili urbani abbandonano il cartaceo

RomaToday è in caricamento