Ordinanza anti alcol, a Monti controlli a tappeto: due ragazze multate per 300 euro

Stavano bevendo da una bottiglia di vetro oltre l'orario consentito. Nella notte, controllate 250 persone e 100 mezzi

Monti. Sono state sorprese a bere da una bottiglia di vetro oltre l'orario consentito dall'ordinanza anti alcol. Erano quasi le 23. Così due ragazze sono state sanzionate per 150 euro ciascuna. E' uno degli effetti dell'attività di controllo della 'Movida' da parte dei carabinieri, iniziata alle 22 di ieri e terminata all'alba. 

L'operazione, messa in campo dai Carabinieri della Compagnia Roma Centro, supportati da personale dell’8° Reggimento Carabinieri “Lazio” e dei reparti specializzati dell’Arma quali il NAS (nucleo  antisofisticazioni e sanità) e il NIL (nucleo ispettorato del lavoro), ha portato a controllare circa 250 persone e 100 mezzi. 

In particolare nel rione Monti, con l’impiego di circa 30 unità, i Carabinieri hanno concentrato la presenza di pattuglie in uniforme e in borghese, adottando la tolleranza zero contro la movida selvaggia, verificando il rispetto dell’ordinanza comunale anti alcol; verificando la presenza, all’interno e all’uscita dei locali, dell’avviso obbligatorio in quattro lingue (inglese, francese, spagnolo, tedesco) con una tabella in cui vengono indicate tutte le misure stabilite dall’ordinanza comunale; vigilando per evitare schiamazzi o intralcio alla circolazione stradale, maggiore causa di disturbo ai residenti; controllando la circolazione stradale, anche con l’ausilio di strumenti per l’accertamento del tasso alcolico; sensibilizzando soprattutto i giovani e invitandoli a non mettersi alla guida dopo aver bevuto. 

TUTTE LE STRADE DOVE E' ATTIVO IL DIVIETO

Sempre a Monti sono stati controllati eseguiti controlli amministrativi in alcuni locali esercizi commerciali, tra cui un bar che è stato sanzionato per 10.500 Euro in quanto vi lavoravano 7 persone in nero; un ristorante cinese sanzionato per 18.500 Euro per detenzione di alimenti privi di tracciabilità, illecita congelazione di prodotti alimentari originariamente freschi e precarie condizioni igieniche in cucina, sequestrando circa 100 chili di prodotti (carni di vario tipo, pasta fresca e altro) immediatamente distrutti.   

I controlli dei Carabinieri della Compagnia Roma Centro, con NAS e NIL, sono stati eseguiti anche in altre zone del centro. Un’osteria di via di Tor Millina è stata sanzionata per 10.500 Euro per la presenza di 5 lavoratori in nero.

Cinque ristoranti, uno in via in Arcione, uno in piazza dell’Accademia di Santa Lucina, uno di via del Corso e due di viale Aventino  sono stati contravvenzionati per occupazione abusiva manto stradale e occupazione abusiva suolo pubblico, invitandoli a rimuovere tavolini e sedie. Sul loro conto, con l’ausilio di agenti della Polizia di Roma Capitale, è stato inviato un rapporto amministrativo al I Municipio, competente per determinare ulteriori sanzioni ed eventuali provvedimenti di chiusura o sospensione delle attività.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Primark inaugura a Roma: lunghe file dalle prime ore del mattino

  • Roma, la mappa del contagio dell'ultimo mese: ecco i municipi e i quartieri con più casi

  • Camorra, "a Roma comanda tutto lui": il cartello della droga di Michele Senese. Ecco come aveva diviso la Capitale

  • Incidente sulla Pontina: l'auto ha un'avaria, lui scende e viene investito da un tir. Morto 43enne

  • Choc nel parcheggio del supermercato: cliente non lascia il carrello al mendicante e finisce ferito in una pozza di sangue

  • Coronavirus, a Roma 1306 nuovi casi. D'Amato condanna: "Assurde le scene viste nei centri commerciali"

Torna su
RomaToday è in caricamento