Emergenza casa, i movimenti occupano i municipi: "Disobbedite al Piano casa"

Con questa azione gli attivisti hanno chiesto l'avvio di una campagna di disobbedienza civile presso gli uffici municipali. Nel mirino l'art. 5

Foto Twitter Bpm

Invitano alla disobbedienza civile contro l'articolo 5 del piano casa del governo Renzi. I movimenti per il diritto all'abitare romani questo pomeriggio hanno occupato diverse sedi dei municipi della Capitale, in particolari quelle degli ex II, III, IV, V, VI, VII e XI. Nel mirino il fatto che l'articolo in questione impedisce il rilascio del certificato di residenza da parte degli uffici dei municipi, anche con effetto retroattivo, agli occupanti senza titolo.

“Invitiamo i dipendenti dei Municipi alla disobbedienza civile rispetto a quanto disposto dalla legge" spiega all'agenzia Dire un esponente dei movimenti. Ai presidenti di municipio o ai direttori chiedono un incontro “perchè non venga fermato il rilascio delle residenze. “Invitiamo presidenti, giunte e consigli municipali ad esprimere ufficialmente la loro contrarietà a questa legge ingiusta e incostituzionale e ad assumersi la responsabilità di continuare a concedere le residenze a tutti e tutte” si legge in una nota. Per domani invece in programma un'assemblea a Porta Pia.

Scrivono i movimenti in un comunicato: “Il motivo che ci spinge a questa protesta è presto detto: il cosiddetto Piano Casa del ministro Lupi, in particolare l'articolo 5, nega retroattivamente a chiunque occupi senza titolo la casa in cui abita, il diritto ad avere gli allacci alle utenze di luce, acqua e gas e ad ottenere la residenza” si legge nella nota. “Oggi vogliamo sottolineare che negare la residenza equivale a privare le persone dei diritti fondamentali e in molti casi a spingerle di fatto alla clandestinità. Vogliamo dialogare con i lavoratori e le lavoratrici degli uffici anagrafici e in generale dei Municipi, in quanto è a loro che spetta la concreta applicazione di questa infame legge”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Continua la nota: “Gli sfratti continuano a un ritmo di decine al giorno. Ecco perché, prima di trovarsi sotto a un ponte o in una baracca, sempre più persone e famiglie decidono di occupare una casa, sia per conto proprio che lottando insieme ai movimenti”. Da qui la proposta: “Vi proponiamo dunque di riflettere e discutere su una campagna di disobbedienza civile all'articolo 5 del Piano Casa. Per quanto siano decisioni che vengono prese molto in alto, ad attuarle nel concreto sono uomini e donne in carne ed ossa, non i “mercati” o qualche altra entità astratta. Pensiamo che i concetti di umanità e dignità, se assunti e sviluppati collettivamente, possano essere un grande argine contro lo strapotere dei profitti e delle ingiustizie sociali”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Centro commerciale Maximo, c'è la data di apertura. Primark e non solo: ecco le news sui negozi presenti

  • Torvaianica, sparatoria tra i bagnanti sulla spiaggia: ferito un uomo

  • Referendum, come si vota? Cosa succede se vince il sì, cosa succede se vince il no

  • Gioca due euro e ne vince 500mila per comprare una casa

  • Coronavirus, a Roma città 131 nuovi casi. 181 in tutto il Lazio

  • Coronavirus, a Roma città 108 nuovi casi da Covid19. Focolaio in una RSA

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento