rotate-mobile
Lunedì, 27 Giugno 2022
Cronaca

Coronavirus, la movida nell'ultima notte prima del decreto: denunce per due locali

Da oggi bar e ristoranti chiusi alle 18. I controlli saranno più semplici: si dovrà verificare solo la chiusura

Sono cento i locali controllati ieri dalla Polizia Locale nella serata di ieri. Obiettivo accertarsi che fossero rispettate le prescrizioni del decreto dello scorso 8 marzo, quando su tutto il territorio italiano è stato imposto nei locali il rispetto del metro di distanza tra gli avventori, nonché la chiusura di pub e discoteca per contenere la diffusione del Coronavirus. Ricordiamo invece che da oggi, con il nuovo decreto "Io resto a casa" tutti i locali dovranno chiudere alle 18. I controlli in tal senso saranno più semplici. 

Due le denunce scattate questa notte per  inottemperanza alla chiusura, una nel quartiere di San Lorenzo e l'altra a due passi da Via del Corso. Gli agenti hanno battuto al setaccio diversi quartieri, provvedendo a verificare oltre 100 attività, sia per  il mancato rispetto dell'obbligo di distanza interpersonale di almeno un metro tra i clienti per le attività di somministrazione, che per l'obbligo di chiudere i battenti per pub e discoteche.

Una trentina gli agenti provenienti dai gruppi Gssu, I Centro (ex Trevi), Parioli, Sapienza, Cassia, Prenestino e Casilino, impiegati non solo nelle aree del Centro Storico ma anche in altri quartieri, dalla zona Nomentana a San Lorenzo, da San Basilio al Prenestino e Ponte Milvio.

Le verifiche proseguiranno nei prossimi giorni, per vigilare sul rispetto di norme atte a garantire la salute pubblica.  A partire dalle 18 in particolare partiranno delle pattuglie di controllo per verificare il rispetto dell'obbligo di chiusura al pubblico di bar e ristoranti a partire dalle 18, come disposto dal Dpcm emanato ieri. Le verifiche verranno eseguite in particolare nei luoghi della movida, in modo da evitare eventuali assembramenti che possano diventare focolai di contagio. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, la movida nell'ultima notte prima del decreto: denunce per due locali

RomaToday è in caricamento