Tragedia nel Tevere, in due cadono nel fiume: morto un uomo. L'altro viene salvato

Intervenute le squadre 7A, 1A, Saf, Fluviale ed i sommozzatori dei vigili del fuoco. Sul posto anche la polizia di stato

Tragedia nel pomeriggio di domenica 6 dicembre a Roma dove un uomo di 53 anni è morto dopo essere caduto nel Tevere, proprio nella giornata in cui la polizia locale aveva chiuso, intorno alle 12 circa, gli accessi alle banchine del Tevere per controllare l'innalzamento del fiume a causa dell'allerta meteo

I fatti intorno alle 15:30 all'altezza di Ponte Garibaldi. Allertati, sul posto si sono precipitate le squadre 7A, 1A, Saf, Fluviale ed i sommozzatori dei vigili del fuoco. In acqua, a sbracciarsi chiedendo aiuto, due uomini. 

I soccorsi sono stati immediati, gli attimi concitati e i due sono stati recuperati all'altezza di Ponte Fabricio. Per il 53enne non c'è stato nulla da fare: il suo corpo era già cadavere.

Salvo invece un 50enne trasportato all'ospedale Fatebenefratelli in codice rosso, in gravi condizioni con fratture multiple. Sul posto anche la polizia di Stato che indagheranno per ricostruire la vicenda. Al momento nessuna pista è esclusa, neanche quella che uno dei due si sia gettato nel fiume per salvare l'altro dal suicidio.

morti1-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve a Roma in settimana? Cosa dicono le previsioni meteo

  • Zona arancione, cosa si può fare e cosa no a Roma e nel Lazio dal 17 gennaio

  • Roma e Lazio in zona arancione: l'annuncio dell'assessore D'Amato

  • Coronavirus, Roma e il Lazio verso la zona arancione: indice Rt e ricoveri oltre la soglia. Cosa cambia

  • Sabato zona gialla a Roma e nel Lazio: il 16 gennaio giornata limbo prima della stretta

  • Coronavirus, a Roma e nel Lazio la situazione sta peggiorando: "Si è perso il controllo dei contagi, vi spiego perché"

Torna su
RomaToday è in caricamento