E' morto Sion Burbea, sopravvissuto a Shoah e Pogrom Arabi

Foto da pagina facebook di Ruth Dureghello , presidente della Comunità Ebraica di Roma

È morto questa mattina Sion Burbea, nato a Tripoli nel 1922. Deportato nel gennaio 1942 nel campo di Civitella del Tronto. Lo riferisce la Comunità ebraica di Roma. Il 10 maggio del 1944 venne trasferito dalla Wehrmacht prima nel campo di transito di Fossoli di Carpi e poi a Bergen Belsen, dove rimase internato fino al novembre dello stesso anno. Prima della liberazione fu di nuovo internato nel campo di Biberach con altri prigionieri civili Inglesi. 

Torna a Tripoli dove, insieme alla Comunità Ebraica libica, subì i pogrom del 1945 e del 1967 con l'inizio della guerra dei Sei giorni e la cacciata degli ebrei si trasferì in Italia. 

A Roma diventa uno dei punti di riferimento della Comunità ebraica libica in Italia fondando e gestendo ininterrottamente la sinagoga Bet Yacov. Nel giugno 2017, insieme a Shalom Tesciuba, viene premiato dal Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, in visita al Tempio Maggiore di Roma, in occasione della cerimonia per i 50 anni dall'arrivo degli ebrei di Libia in Italia con un riconoscimento per il suo impegno nel mantenere in vita la cultura libica in Italia e per aver favorito l'integrazione degli ebrei libici a Roma. 

"Con Sion Burbea- afferma il Rabbino Capo di Roma Riccardo Di Segni- scompare una delle colonne della nostra Comunità, un uomo che ha conosciuto gli orrori della Shoah e dei pogrom arabi e che, malgrado tutto, si è instancabilmente adoperato con dedizione e grande umanità alla continuità della vita ebraica". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ruth Dureghello, presidente della Comunità Ebraica di Roma, lo ricorda così: "Sion Burbea ha rappresentato un faro di luce e speranza per la Comunita' Ebraica. Ha dedicato la sua vita a mantenere viva la tradizione ebraica e attraverso la sua leadership ha permesso ai tanti ebrei di origine libica di diventare un esempio positivo di integrazione. Ci stringiamo intorno alla famiglia in questo momento di grande dolore".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Paura a Gregorio VII, a fuoco un autobus: esplosioni e colonna di fumo nero sulla zona

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • Sciopero generale il 23 ottobre: a Roma metro e bus a rischio. Orari e fasce di garanzia

  • Coronavirus, Lazio verso il coprifuoco e didattica a distanza parziale per le superiori. In arrivo un'ordinanza con i provvedimenti

  • Coprifuoco a Roma e nel Lazio, ecco l'ordinanza: autocertificazione per spostamenti da mezzanotte alle 5

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento