Ater rende omaggio a Ernesto Sanità, morto a 75 anni: riottenne casa occupata da Casamonica dopo 11 anni

Ater: "Per 11 lunghi anni hai combattuto una battaglia, quella di riavere la tua casa. La stessa che ti era stata tolta ed occupata dai Casamonica"

Ernesto Sanità, 75 anni di cui 11 passati a lottare per i suoi diritti, non c'è più. Dal 18 gennaio ormai e Ater, con un post sui social, ha voluto rendergli omaggio ricordando la sua battaglia per riottenere la "sua" abitazione Ater a Pietralata, in via dell'Acqua Marcia 12, occupata abusivamente da Giuseppe Casamonica detto 'Bitolo' e destinata a diventare residenza anagrafica di Tamara Aceti e Concetta Casamonica.

Nel messaggio che l'azienda territoriale per l'edilizia residenziale scrive per ricordare Ernesto Sanità si legge: "Hai sopportato minacce, soprusi, intimidazioni ed è difficile per noi dimenticare la tua forza, la tua commozione e la tua determinazione di riaverla. Sei entrato nel cuore di molti e quando Ater e Regione il 9 Agosto 2018 ti hanno comunicato che il tuo appartamento era pronto è stato commovente accompagnarti e riconsegnarti le tue tanto attese chiavi. Ciao Ernesto che la terra ti sia lieve".

Massimiliano Valeriani, assessore alle Politiche abitative della Regione Lazio su Facebook ha commentato:  "Oggi abbiamo appreso della scomparsa di Ernesto Sanità, il primo inquilino Ater a cui due anni fa abbiamo riconsegnato l'alloggio popolare sottrattogli illegalmente dalla malavita. Testimone di una pagina di buona amministrazione, che gli aveva finalmente restituito il bene primario della casa. Ciao Ernesto".

Quella di Ernesto è una storia che parte anni fa. In una denuncia fatta nel 2007, raccontò che, durante il funerale di suo figlio adottivo, era stato avvicinato da 'Bitolo' Casamonica. Poi la "sentenza", senza giri di parole: "Ora quella casa è mia". Questo perché il il figlio aveva un debito col clan. 

Sanità, una volta constatata che la serratura della casa Ater era stata cambiata, ha cercato un ulteriore dialogo con Casamonica, ma 'Bitolo', di tutta risposta, lo ha minacciato che lo avrebbe ucciso se avesse "osato" rientrare in possesso del suo appartamento Ater. Ernesto così è stato costretto ad arrangiarsi, a dormire in strada o in giacigli di fortuna per undici anni.

Casamonica come Spada: racket delle case popolari

La maxi operazione Gramigna smantella il clan Casamonica nel 2018 e così l'appartamento torna all'Ater. Accertati i requisiti di riassegnazione e di reintegro all'assegnatario, Ernesto Sanità riesce così a riottenere la "sua" casa in cui ha vissuto fino al 18 gennaio scorso quando è morto a 75 anni. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a Roma 342 nuovi casi. L'allarme di D'Amato: "Siamo a livello arancione". I dati Asl del 16 ottobre

  • A Roma la stretta anti Covid, Raggi chiede più controlli: nel week end task in campo tra movida e periferie

  • Coronavirus, a Roma 494 casi. Nel Lazio 994 nuovi contagi

  • Ater, in vendita oltre 7mila case popolari dal Laurentino a San Basilio: ecco il piano

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Torna #vialibera: a Roma quindici chilometri di strade solo per pedoni e ciclisti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento