Annegato a Fiumicino: "Trenta minuti di rianimazione, mi è morto fra le braccia"

Donato Loiodice, 33 anni, è morto annegato ieri pomeriggio, davanti agli occhi della moglie. Il racconto di chi l'ha soccorso e ha tentato un salvataggio disperato

Lungomare della Salute

"Me lo sono caricato in spalla, ho attraversato gli scogli, l'ho portato sulla sabbia asciutta, l'ho rianimato...". Ma è stato tutto inutile. Alle 15 di ieri, Donato Loiodice, 33 anni, padre di tre figli, muore annegato nelle acque di Fiumicino. 

Era in spiaggia con la famiglia, sul Lungomare della Salute, a pesca di cozze sugli scogli. Qualche attimo e la moglie lo vede in acqua, agonizzante. Grida aiuto, chiede soccorsi, le urla risuonano sulla battigia. Inutili i soccorsi del 118, arrivato sul posto. E vani anche quelli di chi, trenta minuti prima, ha tentato con coraggio il tutto per tutto.  ​

"Insieme l'abbiamo recuperato dall'acqua, l'abbiamo trascinato fino alla spiaggia e lì abbiamo provato in ogni modo a rianimarlo, siamo infermieri". A ricordare una mezz'ora di agonia Emiliano, tra i primissimi a soccorrere l'uomo in acqua, ben prima che arrivasse l'ambulanza. 

Anche lui era in spiaggia, giocava con il figlio. "Ho sentito le urla della moglie, mi sono voltato, e ho notato un uomo da solo che cercava di tirare fuori il corpo dall'acqua, allora sono corso a dare una mano. Trascinare un corpo inerte da 80 chili non è semplice". La sua testimonianza è stata messa a verbale dalla Capitaneria di Porto. 

"Ho usato il defibrillatore, ho fatto il massaggio cardiaco per 35 minuti, ho utilizzato anche il pallone ambu messo a disposizione dal chiosco perché usciva sangue dal cavo orale. Ci siamo alternati io e mio fratello, siamo entrambi infermieri specializzati". Un tentativo disperato, ma l'uomo "credo fosse già morto quando siamo arrivati alla spiaggia. Era cianotico, con le pupille dilatate, il polso assente". 

La dinamica dei fatti non è emersa con chiarezza, sui fatti indagano i Carabinieri di Ostia e la Capitaneria di Porto. Ma l'ipotesi che sembra certa è quella del malore. "Credo abbia avuto una congestione, prima di andare a cercare le cozze aveva mangiato. E in ospedale è stata accertato l'arresto cardio polmonare". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Centro commerciale Maximo, c'è la data di apertura. Primark e non solo: ecco le news sui negozi presenti

  • Torvaianica, sparatoria tra i bagnanti sulla spiaggia: ferito un uomo

  • Gioca due euro e ne vince 500mila per comprare una casa

  • Referendum, come si vota? Cosa succede se vince il sì, cosa succede se vince il no

  • Coronavirus, a Roma città 131 nuovi casi. 181 in tutto il Lazio

  • Coronavirus, a Roma città 108 nuovi casi da Covid19. Focolaio in una RSA

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento