menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Va a caccia con gli amici e viene ucciso da un colpo d'arma da fuoco

Un uomo di 71 anni è morto a causa delle gravi ferite riportate. Sul caso indagano i carabinieri che hanno sequestrato le armi

E' arrivato in eliambulanza all'ospedale Gemelli di Roma, in gravissime condizioni. Durante la notte, nonostante i tentativi disperati dei medici è morto. Un uomo di 71 anni, originario di Pesaro e da anni residente a Pomezia, era uscito nel pomeriggio di sabato 5 ottobre per una battuta di caccia con un gruppo di amici ma non ha mai fatto ritorno a casa. 

A ricostruire i fatti i carabinieri di Rignano Flaminio, che hanno ascoltato gli amici del 71enne, e i militari di Bracciano e del Nucleo Operativo di Ostia chiamati a determinare quale sia stata l'arma da fuoco dalla quale è partito il proiettile che ha poi colpito l'uomo e chi abbia premuto il grilletto. 

Secondo quanto emerso il 71enne si era recato in un terreno, nel comune di Sant'Oreste, per una battuta di caccia con i suoi amici. Ad un certo punto, però, l'anziano ha smarrito il suo cane e così, insieme ai compagni, ha iniziato a cercarlo. Intorno alle 20 circa, quindi, il fatele incidente. 

Un proiettile lo ha colpito al fianco. Secondo la versione degli amici, quindi, sono stati allertati i soccorsi e tutti si sono recati in ospedale. Il 71enne, a causa di una emorragia, è morto. Al momento gli inquirenti procedono per "incidente" ma non sono esclusi sviluppi nelle prossime ore. 

Chi indaga, infatti, dovrà determinare se a far fuoco sia stato, accidentalmente o meno, uno degli amici del 71enne oppure un'altra persona e se il colpo sia partito da un fucile o da una pistola. Nel frattempo le armi di tutti i cacciatori sono state sequestrate. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento