Cronaca Via Arturo Pompeati Luchini

Cadavere in un canale ad Aranova, trovato un cellulare: si indaga sul mondo dei senza fissa dimora

Il corpo è stato trovato in via Arturo Pompeati Luchini, una strada che costeggia la via Aurelia. Sul posto gli agenti della polizia di Stato e la squadra della Scientifica

Immagine di repertorio

La polizia ha identificato il cadavere dell'uomo rinvenuto lunedì 15 febbraio, nel comune di Fiumicino, in via Arturo Pompeati Luchini, una stradina secondaria che costeggia la via Aurelia all'altezza di Aranova. Si tratta di un romeno di 45 anni. 

L'uomo, che era senza documenti, vicino a sè aveva però un cellulare. E' stato questo l'elemento utile che sta aiutando gli investigatori a ricostruire il puzzle. Nelle ultime ore, grazie alle analisi scientifiche del medico legale, gli inquirenti sono riusciti ad escludere alcune ipotesi. 

L'uomo, infatti, non è stato aggredito, né vittima di un pirata della strada - alternativa presa in considerazione ieri - piuttosto, la causa della morte potrebbe essere riconducibile al freddo. Un malore forse. Ma perché il romeno vagava in quel tratto di strada isolato? Si era perso?

Le indagini della polizia sul cadavere trovato ad Aranova

E' una valutazione che gli agenti della polizia hanno preso in considerazione. L'uomo, seppure non censito come regolare sul territorio e quindi di fatto "un senza fissa dimora", a volta si appoggiava da amici. Dormiva dove capitava, ma chi lo conosceva racconta di non aver avuto più sue notizie da giorni.

E' possibile, quindi, che il romeno possa aver vagato per ore alla ricerca di un giaciglio, quindi un malore causato dal gelo delle temperature degli ultimi giorni, lo avrebbe fatto collassare al suolo, in un tratto di strada buia e poco percorsa. Ecco - forse - spiegato anche perché il cadavere sia stato rinvenuto solamente al mattino di lunedì, con la luce del sole. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cadavere in un canale ad Aranova, trovato un cellulare: si indaga sul mondo dei senza fissa dimora

RomaToday è in caricamento