rotate-mobile
Cronaca

Tragedia in mare: si tuffa e salva una mamma e la figlia, lui annega e muore

Gianfranco Ricci aveva 59 anni. Le condizioni proibitive del mare hanno reso difficili gli interventi di soccorso. L'uomo è morto una volta arrivato in ospedale

Sembrava una storia a lieto fine, invece si è trasformata in una tragedia. Non ce l'ha fatta Gianfranco Ricci, il soccorritore di 59 anni che nella mattinata di oggi, sabato primo luglio, si era gettato nelle acque del castello di Santa Severa per salvare una bimba e sua mamma dall'annegamento. Le due non riuscivano a rientrare a riva a causa di onde da un metro e mezzo.

Gianfranco Ricci si è tuffato, ha raggiunto prima la piccola e dopo averla messa in salvo assicurandola a una boa si è diretto verso la madre, salvandola. Durante quest'ultimo tentativo, però, qualcosa è andato storto. Mamma e figlia ce l'hanno fatta con l'aiuto degli assistenti bagnanti mentre la guardia costiera si è messa a caccia del cinquantanovenne, nel frattempo scomparso. Alla fine il ragazzo è stato trovato con l'intervento dei sommozzatori.

Constatando le condizioni gravi, con l'eliambulanza l'uomo è stato trasportato al Gemelli. Arrivato al policlinico romano il suo cuore ha smesso di battere e i medici ne hanno constatato il decesso. È stata informata la procura di Civitavecchia e aperta un'indagine sull'accaduto come da prassi.

Aggiornato con il nome di  Gianfranco Ricci alle 17 del primo luglio

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tragedia in mare: si tuffa e salva una mamma e la figlia, lui annega e muore

RomaToday è in caricamento