Morti bianche nel 2016: a Roma e provincia il triste primato, 35 le vittime sul lavoro

Diminuisce la percentuale a livello nazionale: meno 14,7 per cento. L'analisi condotta dall'Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di Vega Engineering sulla base di dati Inail

Spetta a Roma ed ai Comuni della sua provincia il triste primato di maggior di infortuni mortali sul lavoro con 35 decessi. E' quanto si può constatatare dall'ultima analisi condotta dall’Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di Vega Engineering sulla base di dati Inail. Il 2016 si è concluso con un considerevole numero di morti bianche in Italia: da gennaio a dicembre 2016 sono state 749 le vittime in occasione di lavoro e 269 quelle in itinere.

DIMINUZIONE DELLE VITTIME - Dal confronto con l’anno 2015 emerge una costante tendenza alla diminuzione di vittime. L’anno precedente si era infatti concluso con 878 casi di incidenti mortali in occasione di lavoro, ben 129 casi in più del 2016, pari ad una riduzione del 14,7 per cento. Analizzando la situazione da un punto di vista territoriale, si può constatare che l’Emilia Romagna ha concluso l’anno sempre con il drammatico primato. Sono infatti 87 i decessi, nella regione, seguita dal Veneto e dalla Lombardia con 86 morti bianche ciascuna. La Valle d’Aosta riesce invece a concludere il 2016 con l’eccezionale dato di nessuna vittima.

SUD ITALIA - Il Sud Italia risulta essere la macro area più colpita dalla triste graduatoria con 164 vittime e un indice di incidenza sugli occupati pari al 47,7 per cento, seguito dal Nord Est con 120 casi e un’incidenza del 39,2 per cento. Da un punto di vista provinciale, Roma risulta essere il capoluogo con più casi di infortuni mortali sul lavoro con 35 decessi, seguita da Vicenza con 24 casi. Tuttavia è la provincia di Matera che si posiziona in prima posizione nel 2016 con un valore di incidenza sugli occupati pari a 111,5.

SETTORE DELLE COSTRUZIONI - I casi di morte sul lavoro in Italia per settore economico, evidenziano ancora una volta come sia il settore delle costruzioni l’ambito che conta nel 2016 il maggior numero di morti con 109 casi, pari al 14,6 per cento del totale dei casi di morte in occasione di lavoro, seguito dalle attività manifatturiere con 101 decessi, pari al 13,5 per cento del totale.

FASCIA D'ETA' - Analizzando la situazione per nazionalità, si può concludere che nel 2016 siano stati 115 gli stranieri deceduti, ossia il 15,4 per cento del totale. Dal punto di vista del genere invece, sono state 48 le donne coinvolte in infortuni mortali (il 6,4 per cento), contro i 701 uomini (93.6 per cento). La fascia d’età compresa tra i 45 e i 54 anni, è quella che risulta essere più coinvolta nei casi di mortalità con 249 vittime, tuttavia l’incidenza più elevata sugli occupati è riservata alla fascia d’età degli ultra sessantacinquenni con un valore di 215,5. (fonte www.vegaengineering.com). 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vigili nella bufera, Raggi guarda Report e decide di ruotare gli agenti. In bilico il comandante Napoli

  • Primark inaugura a Roma: lunghe file dalle prime ore del mattino

  • Roma, la mappa del contagio dell'ultimo mese: ecco i municipi e i quartieri con più casi

  • Apre Maximo Shopping Center, un nuovo centro commerciale a Roma: 160 negozi sulla Laurentina. Grande attesa per Primark

  • La pasticceria di Roma premiata con "Tre Torte" dal Gambero Rosso: è tra le migliori d'Italia

  • Incidente sulla Pontina: l'auto ha un'avaria, lui scende e viene investito da un tir. Morto 43enne

Torna su
RomaToday è in caricamento