Cronaca

Libero De Rienzo, l'esito dell'autopsia: l'attore morto "per intossicazione acuta da eroina"

La Procura di Roma ha chiuso le indagini sul decesso del 44enne trovato privo di vita nella sua casa romana lo scorso 15 luglio

E' morto a causa di una overdose da eroina l'attore Libero De Rienzo, trovato senza vita nella sua abitazione in zona Madonna del Riposo a Roma lo scorso 15 luglio. E' quanto emerso dai risultati dell'autopsia e degli esami tossicologici disposti dalla Procura di Roma eseguiti al Policlinico Universitario Agostino Gemelli. Il decesso del 44enne attore di origini irpine è riconducibile a un "arresto cardiorespiratorio per intossicazione acuta mortale da eroina". Gli esami hanno rilevato anche tracce di cocaina e di benzodiazepine, che non sarebbero però la causa della morte. 

Morte come conseguenza di altro reato 

Il Pubblico Ministero Francesco Minisci, titolare del fascicolo, nell'avviso di conclusione delle indagini, atto che prelude di solito alla richiesta di rinvio a giudizio notificato al pusher gambiano di 32 anni, gli contesta le accuse di detenzione, cessione di stupefacenti e morte come conseguenza di altro reato. L'uomo, attualmente in carcere, è accusato di aver ceduto droga oltre all'attore anche ad altre 5 persone. Il reato di morte come conseguenza di altro reato viene con contestato alla luce del nesso emerso tra la cessione dell'eroina e il decesso dell'attore.

Libero De Rienzo trovato morto in casa 

Trovato privo di vita nella sua abitazione romana la scorsa estate, furono i carabinieri, a due settimane dalla morte di Libero De Rienzo, a dare un nome ed un volto all'uomo che gli vendette la droga, un 32enne del Gambia residente a Torre Angela che, spostandosi con le linee della metropolitana di Roma, spacciava, tra le varie sostanze, anche eroina, quella venduta proprio all'attore di 44 anni.

Le indagini di carabinieri e Procura 

A ricostruire l'intero quadro furono gli investigatori della compagnia di San Pietro coordinati dalla Procura Capitolina. Dopo aver convalidato il fermo lo scorso 28 luglio, il Gip applicò la custodia cautelare in carcere per il cittadino gambiano. Le indagini iniziarono subito dopo la morte dell'attore, con i carabinieri che ascoltarono amici e parenti dell'attore, dopo che i giudici aprino un fascicolo d'indagine con l'accusa di "morte come conseguenza di altro reato". 

L'arresto del pusher di Libero De Rienzo 

Quindi, alla luce del ritrovamento dell'eroina all'interno dell'appartamento, i carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di San Pietro svolsero una serie di accertamenti nell'ambiente dello spaccio nelle zone vicine a dove abitava De Rienzo, riuscendo a ricostruire alcuni collegamenti che li conducevano fino al quadrante est della Capitale, in particolare nel quartiere di Torre Angela dove venne poi arrestato un pusher, colto in flagranza di reato, proprio mentre stava spacciando.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Libero De Rienzo, l'esito dell'autopsia: l'attore morto "per intossicazione acuta da eroina"

RomaToday è in caricamento